Cerca

Giovedì 14 Dicembre 2017 | 20:10

Ilva, dal Governo 300 milioni Azienda ceduta tra 6 mesi

Ilva, dal Governo 300 milioni Azienda ceduta tra 6 mesi
ROMA – Sterzata in accelerazione per l’Ilva di Taranto, seconda acciaieria d’Europa e grande malato al cui capezzale si sono avvicendati diversi Governi con ben 9 decreti di cura. L’ultimo, con una dote da 300 milioni, è arrivato oggi in consiglio di ministri dopo quello che molti chiamano "lo schiaffo di Bellinzona", cioè la sentenza del Tribunale federale svizzero che d’improvviso ha allontanato dalle casse dell’Ilva in amministrazione straordinaria il miliardo e duecento mila milioni sequestrato ai Riva, nell’ambito di un procedimento penale per diversi reati fra cui truffa nei confronti dello Stato.  La sentenza svizzera, che ha ridotto in briciole l’architrave economica su cui si reggeva gran parte del piano salva-Ilva concepito dall’ex superconsulente Andrea Guerra, ha costretto il Governo ad accelerare i tempi per dare stabilità finanziaria e gestionale al gruppo e garanzie alla siderurgia italiana che dal grande Siderurgico di Taranto dipende in larga parte.   Con il nono decreto si accelera sulla cessione del gruppo a terzi dei complessi aziendali. Un trasferimento che avverrà, ha assicurato il ministro dello sviluppo economico Federica Guidi dopo il Consiglio dei Ministri, "tramite procedura a evidenza pubblica".

Tutta la procedura di aggiudicazione sarà svolta entro il 30 giugno 2016. Fra poco meno di sette mesi, quindi sarà identificato il soggetto privato al quale cedere gli asset dell’Ilva. Un termine relativamente vicino. In questi mesi il ministro Guidi avrebbe sondato tutti i maggiori operatori italiani dell’acciaio, i nomi sono quelli noti, da Marcegaglia ad Arvedi, ma anche Duferco e forse gli stessi Amenduni con l'obiettivo di creare una cordata italiana per far ripartire l'Ilva. Un tempo così breve per trovare un acquirente privato (lo si è cercato per anni in passato) lascia pensare che nei suoi incontri il ministro dello Sviluppo Economico abbia trovato una ragionevole disponibilità. Come ha spiegato il ministro i 300 milioni di finanziamento (che però dovranno essere restituiti allo Stato con gli interessi) serviranno "per accompagnare" l’Ilva al passaggio verso i privati. Un prestito che va a sommarsi agli 800 milioni messi in campo dalla legge di Stabilità.

"Il soggetto aggiudicatario – ha detto Guidi – sarà valutato anche dal punto di vista della proposta ambientale, nel momento in cui presenterà il nuovo piano potrà presentare un nuovo piano Aia con la stessa procedura dell’Aia oggi esistente". A questo proposito il decreto proroga il risanamento ambientale dell’Ilva al 31 dicembre 2016.  Una nota positiva arriva dal fatto che il grande malato ha cominciato a dare segni di vita. Negli ultimi due mesi, l’Ilva ha dimostrato di poter rinascere e un giorno tornare a correre e dimostrarsi alla fine persino un buon affare. Le perdite sono state contenute sotto i 20 milioni al mese (contro i 50 milioni dei momenti peggiori). Il portafoglio ordini è in costante crescita: +23% ottobre su settembre (miglior risultato dell’anno) +20% a novembre su ottobre. Sempre a novembre Ilva si è aggiudicata la gara Snam per la fornitura di 45 chilometri di tubi in acciaio del valore di 5 milioni di euro.

I SINDACATI - Il Consiglio dei Ministri, con l'ennesimo decreto, il nono, modifica ancora una volta le carte in tavola, arrivando questa volta a indicare la data di vendita dello stabilimento Ilva di Taranto e spostando in avanti il termine dell’applicazione dell’Aia. Così Rosario Rappa, segretario nazionale Fiom-Cgil in una nota.   "Siamo in presenza di un decreto che rischia di scaricare i costi sul pubblico e gli utili sul privato, facendo pagare ai lavoratori attualmente occupati pesanti costi in termini occupazionali. Inoltre, riteniamo gravissima la volontà di allungare i tempi del processo di ambientalizzazione, per la quale devono essere rispettati i tempi indicati nell’Aia" afferma il sindacalista.

"Ancora una volta – continua – contraddicendo quanto fino ad ora aveva dichiarato, il governo prende decisioni senza consultare le organizzazioni sindacali." "E' assolutamente necessaria una immediata convocazione alla presidenza del Consiglio dei ministri, qualora questo non avvenisse metteremo in campo tutte le iniziative di mobilitazione necessarie."

 "Bene iniziare a fissare date ma senza passi concreti di rinvio in rinvio la situazione si sta logorando irreversibilmente" così il segeratrio generale di Fim-Cisl Marco Bentivoglio dopo che il nono decreto sull'Ilva ha fissato entro il 30 giugno la data di cessione a terzi del gruppo Ilva.  "Da tempo – afferma Bentivogli – sosteniamo che il più grande siderurgico d’Europa debba essere gestito da chi ha esperienze e capacità del settore. E’ positivo aver fissato una data in cui cedere ad un soggetto industriale che guidi il Gruppo ad una più attenta gestione industriale e recuperi il troppo tempo perduto sull'ambientalizzazione e il rilancio industriale".

GRILLINI: DIFFIDA AL COMMISSARIO - "Un altro decreto legge che salva l'Ilva, un altro stanziamento pubblico per aiutare l’azienda. Questa volta di 300 milioni. Il governo sostiene di voler cosi accelerare la cessione a terzi dei complessi aziendali del gruppo Ilva. Ancora finanziamenti pubblici? Apriamo la strada a un’altra procedura di infrazione?", si chiedono i parlamentari M5S delle commissioni Ambiente, Attività produttive e industria di Camera e Senato.
"E' incredibile la celerità massima del governo per tutto quanto attiene alle esigenze dell’azienda mentre Taranto soffoca. E’ di questi giorni la notizia di un’elevatissima concentrazione Ipa, un allarme scattato da Peacelink, confermato dall’Arpa e su cui nè sindaco, nè Regione, nè prefettura, nè ministero della Salute stanno facendo assolutamente nulla".  "Il M5S sta preparando una diffida al Commissario affinchè chiuda l’impianto dato che non ha attuato le prescrizioni. Bisogna dire basta a questa emorragia di soldi pubblici che ci porta verso infrazioni europee e ci si occupi davvero e senza ulteriori indugi della salute e della sopravvivenza di migliaia di bambini e di cittadini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400