Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 20:57

«U pastizz r’tunnar» superstar a Rotondella

«Qui a Rotondella – ha spiegato Vincenza – sino ad alcuni di anni fa, una ragazza, se non sapeva cucinare i pastizz o i frizzul (una pasta fatta in casa col ferricello, ndr), non si sposava»
«U pastizz r’tunnar» superstar a Rotondella
La chef Vincenza Suriano prepara per i suoi avventori proprio u pastizz r’tunnare. Un prodotto che lei ha imparato a preparare dalla sua mamma che a sua volta l’aveva imparato dalla sua nonna. «Qui a Rotondella – ha spiegato Vincenza – sino ad alcuni di anni fa, una ragazza, se non sapeva cucinare i pastizz o i frizzul (una pasta fatta in casa col ferricello, ndr), non si sposava».

Ma quale è la ricetta dell’antico prodotto da forno? La nostra chef: «Bisogna fare una sfoglia di pasta con un chilo di farina di grano duro senatore Cappelli, due cucchiai di strutto, uno di olio extravergine di oliva e acqua. L’impasto deve riposare un’ora prima di stenderlo a sfoglia. Su di essa si mette la carne di maiale magro tagliata a pezzettini e condita con formaggio pecorino, uova, prezzemolo, pepe, olio e sale. Si chiude la sfoglia come un calzone e si pennella l’esterno con uovo sbattuto. I pastizz sono pronti ma prima di metterli nel forno occorre bucarli con la forchetta. E dopo 15 minuti sono cotti. Per essere una bontà, tuttavia, occorre mangiarli caldi, quasi appena sfornati». E sono, veramente, una bontà.
{5:1762"|SHOW|"}

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione