Martedì 14 Agosto 2018 | 17:35

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Chef | SAPORI SORPRENDENTI A PUTIGNANO

Come portare a tavola sapori che sanno di buona innovazione

Con lo chef Stefano D'Onghia del ristorante «Botteghe Antiche»

Chef Stefano D'Onghia

Chef Stefano D'Onghia

CHEF - Benvenuti a tavola di chi, il suo sogno, lo ha realizzato a casa sua: a Putignano.

Stefano D'Onghia, chef per scelta, intraprende questa strada a 40 anni. Si rimette a studiare, corre il rischio imprenditoriale e segue liberamente la sua creatività.

I risultati, insieme alla moglie Valentina, arrivano nel piatto nel ristorante «Botteghe Antiche» nel bel centro storico di Putignano.

Lui sorprende sempre, ma nel solco della tradizione e con ottima materia prima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Chef Martino Ruggieri

La semplice genialità conquista i palati più raffinati del mondo

 
Chef Marco Lauriero

Altamura, pasticceria d'autore con entusiasmo e innovazione

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 20 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS