Martedì 14 Agosto 2018 | 19:14

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Lecce-Andria 2-2

Lecce beffato in rimonta
sfuma l'allungo in vetta

Lecce beffato in rimontasfuma l'allungo in vetta

ANTONIO CALO'

Se il colpo messo a segno a Cosenza è stato importante, il pareggio ottenuto con la Fidelis Andria dopo l’iniziale vantaggio di due gol è stato un passo falso. Come spesso accade quando le cose non vanno per il verso giusto, Fabio Liverani indossa i panni del pompiere verso l’ambiente e al contempo carica i suoi. «Abbiamo perso un’occasione per allungare - ammette l’allenatore della formazione giallorossa - Siamo partiti molto bene e abbiamo trovato meritatamente due gol. Poi ci sono state due ottime parate del portiere avversario su Torromino. In seguito abbiamo perso l’uomo su un corner e la Fidelis ha accorciato le distanze, riaprendo la gara. In seguito, abbiamo voluto uscire alti con l’esterno, concedendo dalla fascia anche il gol del 2-2 su un aspetto che avevamo studiato nel corso della settimana. Nel secondo tempo non siamo stati lucidi. Ci prendiamo il punto, siamo a +7 e ci prepariamo per Caserta. Probabilmente non siamo bravi quando giochiamo per allungare. Diamo il meglio quando siamo sotto pressione».

Liverani crede fermamente nel Lecce. «Per arrivare davanti al Catania, se gli etnei le vincono tutte, ci servono 15 punti, per essere primi dinanzi al Trapani ce ne servono 14, se i granata fanno l’en plein - nota il tecnico - Ma con lo scontro diretto che devono ancora disputare, le due inseguitrici non possono fare entrambe bottino pieno. È fatale che ci sia un pizzico di rammarico per il pareggio con il quale è terminata la sfida di questa sera, ma guardo quello che c’è di buono. Non penso certo in negativo. Abbiamo il vantaggio di potere pensare solo a noi stessi».

Il Lecce non vince in casa da tre partite. «Forse al Via del Mare c’è un po’ di tensione in più - sostiene Liverani - sul 2-0 dovevamo essere più cattivi, più attenti, più concentrati. Forse la battaglia di Cosenza ci ha tolto qualcosa sul piano nervoso. Ma il primo tempo, distrazione sulla rete dell’Andria a parte, è stato estremamente positivo».
Qualcuno storce il naso per il turnover. «A Cosenza lo abbiamo fatto, abbiamo vinto e non ci sono state critiche - rimarca l’allenatore - con l’ Andria abbiamo pareggiato, ma non credo che ci siano colpe specifiche. Dopo il 2-0 il difetto è stato probabilmente quello di pensare che il match fosse chiuso».

Il messaggio del tecnico giallorosso è chiaro: ha la massima fiducia nel gruppo che guida. «Abbiamo giocato due match in tre giorni su due terreni pesanti e abbiamo perso un pizzico di lucidità negli ultimi metri - conclude Liverani - La squadra è forte, c’è un grandissimo gruppo. I ragazzi devono essere contenti di tutte le certezze che si sono conquistati sino ad oggi, devono avere la massima autostima».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
I giallorossi sconfiggono la Feralpisalò: sabato c'è il Genoa in trasferta

I giallorossi sconfiggono la Feralpisalò: sabato c'è il Genoa in trasferta

 
Stasera Coppa Italia contro Feralpisalò. Stadio Via del Mare in pessimo stato

Stasera Coppa Italia contro Feralpisalò. Stadio Via del Mare in pessimo stato

 
Addio Caturano, arriva La Mantia

Addio Caturano, arriva La Mantia

 
Al Lecce mancano solo pochi tasselli  Dall’Entella arriva l’attaccante La Mantia

Al Lecce mancano solo pochi tasselli
Dall’Entella arriva l’attaccante La Mantia

 
Il Lecce acquista dal Bari Petriccione

Il Lecce acquista dal Bari Petriccione

 
Chiricò al Lecce, gli ultras non lo vogliono: «Si è comportato male»

Chiricò al Lecce, gli ultras non lo vogliono: «Si è comportato male»

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS