Domenica 22 Luglio 2018 | 14:49

Qui Foggia

Guarna sotto accusa
ma Stroppa lo difende

Dopo l’errore, pioggia di critiche contro il portiere del Foggia

Guarna sotto accusa  ma Stroppa lo difende

Guarna al centro delle accuse

FOGGIA - Il Foggia riflette sull’occasione sciupata: con i 3 punti, la squadra di Stroppa si sarebbe mantenuta in piena corsa per i playoff. Ora, la strada è un po’ più in salita: 4 i punti di distacco dall’ottavo posto, a 5 giornate dalla fine. Da un lato il rammarico per l’1-1 subito in rimonta, dall’altro la consapevolezza che il pari contro una squadra del valore tecnico del Bari non è un risultato da buttare, che aver raggiunto virtualmente la salvezza, con un mese d’anticipo, è un gran risultato e che c’è la possibilità di recuperare il gap dai playoff, visti peraltro i due scontri diretti esterni da disputare sabato prossimo, a Cittadella, e il 5 maggio, a Venezia.

Il risultato del derby è stato sancito da due sviste difensive. Punteggio sbloccato da un’autorete di Gyomber. Pari determinato dal marchiano errore di Guarna, che, su un rinvio, nel tentativo di servire il pallone rasoterra a Deli per scavalcare la prima linea di pressing del Bari, ha innescato Nenè, che si è involato ed ha potuto battere a rete indisturbato. Un errore accolto con evidente disappunto dal pubblico rossonero, che poi però ha incoraggiato il suo portiere al rientro in campo dopo l’intervallo.

Ma il feeling tra Guarna e la tifoseria rossonera - che in questa stagione non è mai decollato - ora è ai minimi termini: il numero 1 rossonero è stato criticato aspramente sui social, in città è inoltre apparsa una scritta in cui il portiere viene invitato ad andarsene. Stroppa, nel post-partita, lo ha difeso energicamente: «La responsabilità del suo errore è mia - ha detto il tecnico -. Io gli chiedo di giocare così il pallone, anche per vie centrali, quando c’è lo spazio per farlo. Da quando siedo su questa panchina il Foggia gioca così e continuerà a giocare in questo modo, perché questa è la nostra forza, che ci ha portato in B e fino a quota 51 punti nel torneo cadetto. Tanti nostri gol sono arrivati su azioni partite dai piedi di Guarna».

Errori simili erano già stati commessi da Guarna, in alcune delle gare precedenti: in casa contro l’Empoli (palo di Zajc) e a Cremona, dove era stato lo stesso portiere a rimediare con una parata. Non c’è dubbio che oggi il ruolo del portiere è molto più difficile da interpretare di quanto già non lo fosse in passato: con l’evoluzione del calcio basata sul fraseggio e la manovra palla a terra dalla difesa, ai numeri 1 vengono richieste abilità non solo nel parare e nelle uscite ma anche nel giocare la palla con i piedi. I rinvii lunghi prima erano una consuetudine, ora stanno diventando quasi un’eccezione: il rischio di sbagliare aumenta molto, e riguarda anche i difensori.

Nove anni fa, in C1, l’ultimo numero 1 apprezzato a pieno dalla tifoseria rossonera e ricordato ancora oggi con affetto: lo spagnolo Bremec. Dopodiché, con gli altri portieri che hanno vestito la maglia dei «Satanelli», come Ginestra e Narciso per citarne un paio, non è mai scoccata la scintilla.

Raffaele Fiorella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Foggia calcio, in appello via squalifica De Zerbi: -8 punti alla squadra

Foggia calcio, in appello via squalifica De Zerbi: -8 punti alla squadra

 
Perquisita la villa dell'ex vice presidente del Foggiacalcio

Perquisita villa ex vice presidente del Foggia Calcio: sequestri per 4 milioni

 
Foggia, una saracinesca di A: arriva Bizzarri dall’Udinese

Foggia, una saracinesca di A: arriva Bizzarri dall’Udinese

 
Foggia traccia la linea verde: quattro baby con i «senatori»

Foggia traccia la linea verde: quattro baby con i «senatori»

 
Il Foggia a lezione da Grassadonia

Il Foggia a lezione da Grassadonia

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS