Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 01:25

Serie B

Bari e Foggia, che tonfi!
il Venezia sbanca il San Nicola
l'Avellino ne fa 5 ai rossoneri

tecnico del Bari, Fabio Grosso

Avellino-Foggia 5-1, Stroppa si scusa dopo la sconfitta

BARI - Nella terza giornata della serie B di calcio, doppia pesante sconfitta per le squadre pugliesi: Bari-Venezia 0-2 (Bentivoglio su rigore al 30', Zigoni al 59') e Avellino-Foggia 5-1 (9' Ardemagni su rigore, 21' Morosini, 29' Mazzeo su rigore, 36' Morosini, 59' Ardemagni, 70' Castaldo).

Il Venezia ha espugnato il San Nicola davanti a oltre 14mila spettatori e ha inflitto la prima sconfitta interna al Bari (secondo ko consecutivo).

L’undici allenato da Pippo Inzaghi, al terzo risultato utile di fila, ha disputato una gara ordinata e accorta sul piano difensivo, passando in vantaggio al 30' su rigore di Bentivoglio (fallo di D’Elia su Falzerano). Poi i veneti hanno gestito l'esuberanza dei pugliesi con un buon pressing e marcature molto attente.

Nella ripresa il raddoppio di Zigoni è arrivato al 14' st: l’attaccante è stato micidiale nello sfruttare un assist di testa di Moreo (ingenuità in marcatura di Capradossi). Nel recupero la reazione del Bari si è materializzata in un palo di Improta e in una traversa di Floro Flores.

La squadra allenata da Grosso, priva in avanti di Galano (infortunato), ha registrato un rilevante passo indietro sul piano tattico confermando le incertezze difensive già mostrate nella trasferta di Empoli e un possesso palla a tratti sterile.

FOGGIA - Non è andata meglio al Foggia contro un un Avellino determinato e corale che ha messo alle corde i rossoneri, schiantati dalle doppiette di Ardemagni (9' su rigore e 59') e Morosini (21' e 36') e dal sigillo finale di Castaldo (70') in una gara sostanzialmente chiusa dagli uomini di Novellino nella prima frazione. Illusoria la rete di Mazzeo (29') che su rigore concesso per un inesistente fallo di mano in area di Migliorini ha momentaneamente dimezzato lo svantaggio.

La squadra di Stroppa, che rinvia ancora l’appuntamento con la vittoria, come all’esordio di Pescara (5-1) conferma vistosi limiti nella fase difensiva e l’utilizzo di Camporese non ha colmato le ampie lacune sulle quali il tecnico rossonero è chiamato a lavorare.

Il pokerissimo dell’Avellino avrebbe potuto assumere proporzioni anche più ampie grazie ad una manovra martellante, incontenibile sulla fascia sinistra Bidaoui, e a tratti incontenibile rispetto alla quale il Foggia non ha in pratica mostrato alcuna capacità di reazione.

Stroppa, che ha cominciato la gara cautelandosi con un difensore in più, sul 2-0, è tornato al modulo preferito, schierando sulla linea offensiva Chiricò e Beretta ai lati di Mazzeo. Troppo poco e forse troppo tardi per contrastare un Avellino in stato di grazia.

Vittoria dunque tonda per gli irpini che chiude la polemica aperta in settimana dal presidente Walter Taccone dopo la sconfitta di Cremona e rilancia, insieme alle azioni di Novellino, sempre più beniamino dei tifosi bianco-verdi, le ambizioni dell’Avellino nella stagione appena cominciata.

GROSSO - «Abbiamo le qualità per tirarci su»: il secondo stop di fila per il Bari non intacca la determinazione dell’allenatore dei pugliesi Fabio Grosso. La sconfitta contro il Venezia al San Nicola mostra come l’identità della squadra sia ancora in costruzione. «E' stata una partita strana, tante cose potevamo farle meglio. C'è mancato il cambio di passo negli ultimi 25 metri per poter mettere in difficoltà una difesa schierata. Abbiamo concesso due o tre situazioni da gol e in due casi siamo stati puniti».

Poi l’analisi delle difficoltà. «Bisogna metterci un pizzico di personalità - ha spiegato Grosso - siamo stati bravi nell’essere padroni della loro metà campo, ma meno bravi nell’attaccare gli spazi. Se la settimana scorsa con l’Empoli eravamo stati frenetici, questa volta siamo apparsi poco incisivi, a tratti con un possesso un pizzico sterile. Vogliamo fare meglio, con più ritmo e incisività nelle azioni».

Una considerazione sugli avversari. «Il Venezia si è abbassato tanto, ma aveva due attaccanti centrali forti sulle palle lunghe. Non volevamo lasciare i due centrali soli contro le due punte venete e li ho protetti con i due difensori esterni. I nostri terzini? Avrebbero dovuto cambiare meglio il ritmo, al pari degli esterni e delle mezzali».

Infine un auspicio. «Dobbiamo abbassare la media realizzativa degli avversari. Siamo in un ambiente che pretende i risultati. Siamo dispiaciuti per i tifosi ma stiamo lavorando tanto: nel recupero abbiamo preso un palo e una traversa, c'eravamo nella partita fino all’ultimo secondo», ha concluso Grosso.

I tabellini

BARI-VENEZIA 0-2 (0-1 nel primo tempo)

BARI (4-3-3): Micai 6; Fiamozzi 5.5, Marrone 5, Capradossi 5, D’Elia 5; Tello 5, Basha 5.5, Salzano 5.5 (14'st Brienza 5.5); Improta 5, Nenè 5.5 (19'st Floro Flores 5.5), Iocolano 5.5 (28'st Cissè 5.5). In panchina: Berardi, Tonucci, Petriccione, Anderson, Cassani, Morleo, Scalera, Busellato, Gyomber. Allenatore: Grosso 5.

VENEZIA (5-3-2): Audero 7; Zampano 6.5, Andelkovic 6.5 (31'st Cernuto 6), Modolo 7, Domizzi 6.5, Del Grosso 6.5; Falzerano 7, Bentivoglio 6.5, Suciu 6.5; Moreo 6.5 (36'st Pinato sv), Zigoni 7 (23'st Marsura 6). In panchina: Vicario, Barlocco, Stulac, Soligo, Fabiano, Mlakar, Fabris, Signori. Allenatore: Inzaghi 6.5.

ARBITRO: Marinelli di Tivoli 6.5.

RETI: 30'pt Bentivoglio (rig), 14'st Zigoni.

NOTE: spettatori 14.302 (abbonati 8.503, paganti 5.799) per un incasso di 50.355,00 euro. Ammoniti: Nenè. Angoli: 14-2 per il Bari.

AVELLINO-FOGGIA 5-1 (3-1 dopo il primo tempo)

AVELLINO (4-4-1-1): Lezzerini 6; Laverone 6.5, Suagher 6.5, Migliorini 6, Falasco 6; Molina 7, D’Angelo 7 (30'st Moretti sv), Di Tacchio 6.5, Bidaoui 7.5; Morosini 7.5 (24'st Castaldo 6.5); Ardemagni 7.5 (37'st Asencio sv). In panchina: Radu, Pecorini, Marchizza, Kresic, Camarà, Ngawa, Lasik, Paghera. Allenatore: Novellino 7.

FOGGIA (3-5-2): Guarna 5.5; Camporese 5, Coletti 5, Empereur 4.5 (22'pt Chiricò 6); Gerbo 5, Agazzi 5 (14'st Deli 5.5), Vacca 4.5, Fedele 5, Rubin 5; Beretta 4.5 (32'st Nicastro sv), Mazzeo 6. In panchina: Pelizzoli, Agnelli, Loiacono, Fedato, Martinelli, Nicastro, Calderini, Floriano, Celli, Ramè. Allenatore: Stroppa 5.

ARBITRO: Pinzani di Empoli 5.

RETI: 9'pt (rig) e 14'st Ardemagni, 21'pt e 36'pt Morosini, 29'pt Mazzeo (rig), 25'st Castaldo.

NOTE: spettatori 7000 circa. Ammoniti: Fedele, Gerbo, Agazzi, Molina, Coletti, D’Angelo. Angoli: 3-3. Recupero: 1', 2'.

Risultati delle partite valide per la terza giornata del campionato di serie B giocate oggi (Parma-Brescia domani alle 17.30, Cittadella-Perugia lunedì alle 20.30)

Ascoli-Novara 1-2
Avellino-Foggia 5-1
Bari-Venezia 0-2
Carpi-Salernitana 1-0
Palermo-Empoli 3-3
Pescara-Frosinone 3-3 (ieri)
Pro Vercelli-Cremonese 1-4
Spezia-V.Entella 2-1
Ternana-Cesena 1-0

Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo la terza giornata


Carpi 9 3 3 0 0 3 0
Frosinone 7 3 2 1 0 7 4
Avellino 6 3 2 0 1 8 5
Perugia 6 2 2 0 0 9 3
Parma 6 2 2 0 0 2 0
Cremonese 6 3 2 0 1 7 4
Palermo 5 3 1 2 0 5 3
Empoli 5 3 1 2 0 7 6
Venezia 5 3 1 2 0 2 0
Ternana 5 3 1 2 0 5 4
Pescara 4 3 1 1 1 10 8
Bari 3 3 1 0 2 5 5
Cittadella 3 2 1 0 1 4 4
Ascoli 3 3 1 0 2 4 5
Novara 3 3 1 0 2 2 1
Spezia 3 3 1 0 2 2 4
Salernitana 2 3 0 2 1 3 4
Brescia 1 2 0 1 1 1 2
Cesena 1 3 0 1 2 0 4
Entella 1 3 0 1 2 3 8
Foggia 1 3 0 1 2 3 11
Pro Vercelli 0 3 0 0 3 1 7

Il prossimo turno (quarta giornata, sabato 16 settembre alle ore 15)

Brescia - Pro Vercelli

Cesena - Avellino (15/9, ore 21)

Cremonese - Carpi

Empoli - Ascoli

Foggia - Palermo

Frosinone - Bari

Novara - Cittadella

Perugia - Parma

Salernitana - Pescara

Venezia - Spezia (15/9, ore 19)

Vir.Entella - Ternana

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione