Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 05:48

Il totoallenatore

Bari, Bucchi e i biancorossi
siamo alla stretta finale

Oggi Sogliano avrà il confronto decisivo con il tecnico romano

L’interessamento del Sassuolo sarebbe in calo in quanto sarebbe preferito Davide Nicola

Cristian Bucchi

Cristian Bucchi

di Davide Lattanzi

CALCIO BARI - Il Bari e Cristian Bucchi alla stretta finale. Oggi il club biancorosso potrebbe avere un confronto decisivo con il tecnico romano. L’interesse della compagine pugliese verso il trainer che ha concluso con profitto la sua prima stagione in cadetteria (quarto posto con il Perugia, poi eliminato in semifinale dei playoff) è ormai acclarato.

Il 40enne allenatore, tuttavia, è nel mirino anche di altri club: Frosinone ed Empoli in B, Sassuolo in A. Ed è proprio quest’ultima proposta a farlo vacillare, sebbene nelle ultime ore la società emiliana sembra convinta a virare su Davide Nicola, l’ex coach dei galletti, reduce dalla miracolosa salvezza conseguita a Crotone. Se davvero fosse questo l’orientamento della società neroverde, Bucchi potrebbe davvero essere più vicino al Bari, anche perché il progetto pugliese sembra convincerlo più delle altre opportunità. Senza dimenticare la conoscenza di vecchia data con il direttore sportivo dei galletti, Sean Sogliano, con cui ha condiviso l’avventura a Perugia nel 2001.

Il dirigente biancorosso, però, non aspetterà ad oltranza. Le prossime ore dovranno davvero stabilire se si può raggiungere un accordo o meno. Le altre piste, tuttavia, restano vive.

Marco Baroni, innanzitutto. L’allenatore fiorentino è attratto dal programma del Bari, ma è ad un passo dalla promozione in A con il Benevento. Gli basterà un pareggio con il Carpi nella finale di ritorno dei playoff in programma giovedì in Campania per tagliare il traguardo dello sbarco in paradiso. E a quel punto, è facile immaginare che non possa resistere a prolungare il suo percorso a Benevento ed assaporare il palcoscenico più prestigioso. Se, invece, dovesse arrivare una beffa, ogni scenario diverrebbe possibile. Sogliano e l’amministratore unico dei galletti, Cosmo Antonio Giancaspro, saranno al “Vigorito”: una presenza affatto casuale.

Nel novero, permane Massimo Oddo. Non è semplice agganciare il trainer abruzzese, soprattutto per i due anni di contratto che lo legano al Pescara. Ma (anche in considerazione di quanto accadrà con Bucchi) la pista Oddo potrebbe diventare caldissima a stretto giro.

Fabio Grosso, invece, al momento è un passo indietro rispetto alla concorrenza, ma il suo profilo resta comunque gradito. Non è esclusa, infine, una virata decisa su un prospetto più esperto (in tale evenienza Giuseppe Iachini più di Pasquale Marino), ma il poker di candidati principali finora ha la precedenza.

Si è vociferato, infine, di un clamoroso ritorno in biancorosso di Andrea Camplone, già in carica da gennaio a maggio 2016, con una qualificazione ai playoff all’attivo, seguita dall’immediata eliminazione per mano del Novara. Il mister abruzzese ha già in mano il rinnovo del vincolo con il Cesena: l’ipotesi Bari lo affascinerebbe, ma non sembra una possibilità finora attendibile. Sogliano, peraltro, sta seguendo con interesse la final eight del campionato Primavera: un’interessante occasione per visionare talenti iscrivibili in lista come under 21.

La società, intanto, ha conferito incarico allo studio Trevisan e Cuonzo di assistere il club nella valorizzazione e tutela dei marchi e della proprietà intellettuale del sodalizio barese, allo scopo di negoziare diritti di sponsorship, licensing, merchandising e sfruttamento commerciale dei diritti di immagini ed audiovisivi del Bari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione