Venerdì 17 Agosto 2018 | 05:18

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il settore giovanile

Galli vira sul nuovo Bari
«Il mio progetto per ripartire»

L'ex responsabile del vivaio del MIlano ha le idee chiare dopo la chiamata del nuovo patron biancorosso

Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

De Laurentiis con il ds del Napoli, Giuntoli

BARI - «Oggi presenterò il progetto completo sul calcio giovanile al presidente De Laurentiis: vediamo che succede nelle prossime ore: per ora non posso dire di più». Con la signorilità che lo contraddistingue, Filippo Galli precisa i contorni della sua situazione, ma l’ex dirigente del Milan è ormai davvero ad un passo dal Bari. Facile intuire che in queste settimane Galli abbia voluto valutare tante situazioni, a cominciare da un’eventuale permanenza al Milan, il club in cui ha trascorso un’autentica vita sportiva. Ma l’insistenza di De Laurentiis, che lo ha subito identificato come figura di riferimento, evidentemente ha convinto il 55enne monzese.

Il programma sarebbe davvero ad ampio raggio: creare un maxi polo al meridione per fare in modo di far confluire i migliori giovani del Sud nelle due maggiori realtà, ovvero Napoli e Bari. La struttura del settore giovanile partenopeo non sarebbe toccata: Galli sarebbe tesserato e lavorerebbe per la squadra del capoluogo pugliese, avviando un progetto capillare. Dal coinvolgimento di scuole calcio e società dedite al settore giovanile tramite l’affiliazione all’Academy barese, fino alla creazione di scuole calcio del club, aperte a bambini e bambine. Sul vivaio in senso stretto, tutto dipenderà dalla categoria di appartenenza: se fosse la serie C (al momento ipotesi abbastanza complicata), il programma partirebbe a pieno regime con ben otto formazioni. Se, invece, si dovesse ricominciare dalla D, allora si potrebbe lavorare soltanto su base regionale, ma Galli diverrebbe un pilastro indispensabile nella ricerca degli «under» (dal ‘98 al 2000) che costituiscono parte fondamentale dell’organico di prima squadra.

Per quanto concerne gli altri componenti dell’organigramma societario, è ormai ad un passo la firma di Matteo Scala che sarà il nuovo direttore generale, così come sarebbe stato bloccato un direttore sportivo con comprovata esperienza tra C e D. Continuano, inoltre, a circolare voci su calciatori già bloccati: dal Carpi potrebbero arrivare l’esterno destro Luigi Palumbo (27 anni), nonché il 22enne attaccante francese Mbala N’Zola. Allo stesso modo, dal Napoli potrebbero essere girati il centravanti brasiliano Vinicius Morais (23 anni), nonché i «primavera» Francesco Mezzoni (classe 2000), Alberto Senese (18 anni) e Luigi D’Ignazio (classe ‘98) che si aggiungono ai talentuosi fratelli Gaetano, entrambi centrocampisti: più facile, però, arrivare al maggiore, Felice, 22 anni, piuttosto che a Gianluca, 18enne considerato tra i «top» della sua generazione. Tra le suggestioni, hanno discrete chance di ripartire dalla loro città natale sia il fantasista Nicola Bellomo (27 anni), sia il portiere Roberto Maurantonio (37 anni). Più complicato il ritorno di Jean Francois Gillet: il 39enne belga, recordman di presenze nel Bari, aspetta ancora una chiamata in categorie superiori. Più di un’idea, invece, il profilo di Roberto Maurantonio, barese ex Carpi.

A tal proposito, l’autentico caos che sta coinvolgendo il calcio italiano sta affievolendo le speranze baresi di ammissione in serie C. La serie B, infatti, ha annunciato la presentazione dei calendari per lunedì prossimo, bloccando i ripescaggi e con una formula a 19 squadre. Una scelta a cui la Figc non ha replicato, lasciando intendere di voler mantenere la posizione dello scorso 3 agosto, quando si imponeva comunque il format a 22 formazioni. La situazione si evolverà nelle prossime ore, ma è facile immaginare che la B a 19 annullerebbe i tre ripescaggi dalla C che tornerebbe a 59 squadre, con un solo eventuale posto disponibile nel format a 60. A quel punto, le speranze del Bari sarebbero ridotte al lumicino a fronte di una sola possibilità e di una concorrenza potenzialmente foltissima. Anche i caso di serie D, comunque, non sarà semplice comprendere il girone in cui sarà piazzato il club barese che per ragioni di ordine pubblico potrebbe essere spostato dal raggruppamento campano e pugliese a quello abruzzese e molisano.

Intanto, il primo impegno per il nuovo Bari rifondato da Aurelio De Laurentiis, secondo il calendario diffuso dalla Lega nazionale dilettanti i pugliesi, sarà il 26 agosto in Coppa Italia contro il Bitonto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Fc Bari

Bari calcio, tribunale si riserva decisione sul sequestro e su ammissione al concordato

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Il Bari fissa i punti fermi coach Menichini la pista

Il Bari fissa i punti fermi
coach Menichini la pista

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Bari calcio, l'esordio il 26 agostocon il Bitonto per la Coppa Italia

Bari calcio, l'esordio il 26 agosto
con il Bitonto per la Coppa Italia

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 
Bari in serie C, rivolta di 13 club«Resti fuori chi non ha i requisiti»

Bari in serie C, rivolta di 13 club «Resti fuori chi non ha i requisiti»

 

GDM.TV

Leuca, Gdf intercetta cabinatoe veliero con 24 migranti: 3 arresti

Leuca, Gdf intercetta cabinato e veliero con 24 migranti: 3 arresti

 
Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

 
Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 

PHOTONEWS