Venerdì 17 Agosto 2018 | 05:17

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La polemica

Decaro a Giancaspro: «Il 1 agosto consegna le chiavi dello stadio»

Il sindaco si irrita dopo la Pec del molfettese che annuncia di non voler lasciare il San Nicola. E si dice pronto a sfrattarlo con i vigili

Decaro a Giancaspro: «Vattene o ti caccio dallo stadio con i vigili»

Il sindaco con Giancaspro

BARI - Chiamatela pure l’ennesima «giancasprata». Che stavolta, ineffabile più che mai, riesce a far perdere la pazienza finanche a un uomo tradizionalmente mite come Antonio Decaro dopo aver pugnalato alle spalle e attentato alle coronarie di migliaia di tifosi del Bari. La convenzione del «San Nicola» è in scadenza ma ieri sera, attraverso una pec indirizzata al sindaco del capoluogo, il fantasioso ex patron biancorosso ha fatto sapere di non essere disposto a restituire lo stadio in virtù di un ricorso, ancora in piedi, che potrebbe rimettere in discussione la vita del suo club che, putroppo, è invece ormai cancellato dalle geografia del calcio che conta proprio in virtù della scellerata gestione dello stesso Giancaspro, l’anticamera del fallimento.

«La convenzione è scaduta e io pretendo che il “San Nicola” torni in nostro possesso - racconta alla Gazzetta un Decaro letteralmente furibondo - c’era stata una proroga di un mese perché volevamo capire se ci fossero margini per la ricapitalizzazione. Il titolo della squadra non c’è più e quindi non ci sono più margini. L’atteggiamento di Giancaspro è grave, ai limiti del provocatorio, lo scriva pure. E la cosa mi amareggia visto che con lui abbiamo sempre tenuto un profilo improntato alla massima correttezza».

Decaro è un fiume in piena. In un crescendo emotivo senza precedenti: «Le dico di più, se domani (oggi, ndr) non dovessi riavere lo stadio sono pronto a un’azione di forza. Manderò i vigili a casa di Giancaspro per riprenderci le chiavi. E penso di accompagnarli personalmente. L’unica strada sarebbe una nuova proroga. Ma io non ho i tempi per concederla oltre che le argomentazioni». E neanche tanta voglia, vero sindaco? «Con l’avvocatura valuterò un’azione legale verso Giancaspro per danni d’immagine alla città», l’ultimo affondo dell’Antonio furioso. Con i baresi che, idealmente, battono le mani.

----

LA DIFFIDA: IL 1 AGOSTO LASCI - Il Comune di Bari «intima il rilascio» dello stadio San Nicola, compreso l’antistadio, «per la data del 1 agosto ore 9.30». È quanto si legge della ripartizione Sport del Comune inviata in queste ore alla Società Football Club Bari 1908 spa, presieduta da Cosmo Giancaspro, e per conoscenza, a sindaco, assessori, dirigenti e Avvocatura comunale.
Nella diffida si ricorda che, con deliberazione di Giunta comunale del 29 giugno, si concedeva proroga sino alla data del 30 luglio per l’utilizzo in concessione dello stadio e antistadio San Nicola. «Lo spirare di tale data - si legge nella nota - rende, evidentemente, l’eventuale ulteriore occupazione dell’immobile priva di ogni titolo autorizzativo, con conseguente espresso divieto di manomissione e asportazione di qualunque bene o dotazione impiantistica». La diffida si è resa necessaria dopo la nota del 27 luglio scorso inviata dal presidente della società, ora in liquidazione, Cosmo Giancaspro, con la quale «si contesta l’intimato rilascio dell’impianto (già sollecitato dal Comune con due precedenti diffide, ndr), asserendo vaghe ragioni a sostegno». Tali ragioni risiederebbero nel ricorso che sarà discusso domani, presentato dalla società sportiva al Coni per la riammissione al campionato di serie B e per non svincolare i giocatori tesserati.
Intanto il primo agosto si discuterà dinanzi al Tribunale di Bari la richiesta della Procura - che ha chiesto il fallimento della società - di sostituzione del Cda e di Giancaspro con altro organo amministrativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Fc Bari

Bari calcio, tribunale si riserva decisione sul sequestro e su ammissione al concordato

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Il Bari fissa i punti fermi coach Menichini la pista

Il Bari fissa i punti fermi
coach Menichini la pista

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Bari calcio, l'esordio il 26 agostocon il Bitonto per la Coppa Italia

Bari calcio, l'esordio il 26 agosto
con il Bitonto per la Coppa Italia

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 
Bari in serie C, rivolta di 13 club«Resti fuori chi non ha i requisiti»

Bari in serie C, rivolta di 13 club «Resti fuori chi non ha i requisiti»

 

GDM.TV

Leuca, Gdf intercetta cabinatoe veliero con 24 migranti: 3 arresti

Leuca, Gdf intercetta cabinato e veliero con 24 migranti: 3 arresti

 
Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

 
Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 

PHOTONEWS