Venerdì 20 Luglio 2018 | 18:51

La ricapitalizzazione

La lunga notte del Bari calcio.
Cda a oltranza: l'incubo serie D

Giancaspro vuole coprire i 4,5 milioni con un credito (di se stesso). Intanto il socio di minoranza, Paparesta, si è fatto da parte: nessun interesse alla maggioranza

Paparesta Giancaspro

Paparesta e Giancaspro

BARI - Il primo passo lo ha fatto Gianluca Paparesta quando, nel primo pomeriggio, facendo rinascere il suo profilo Facebook, con un lungo post ha dichiarato la sua indisponibilità a non sottoscrivere l'eventuale quota di aumento di capitale del socio di maggioranza, Cosmo (Mino) Giancaspro, cioè i 4,5 milioni. E al tempo stesso ha reso noto anche il venir meno dell'interesse manifestato dalle persone secondo lui interessate al progetto Bari. Di suo, Paparesta, avrebbe fatto il versamento della sua quota, 28mila euro, parametrata alla partecipazione pari allo 0,66% di proprietà delle azioni. I motivi di tale sua presa di posizione? «Il sempre più prossimo rischio di mancata iscrizione al campionato, le certe prossime penalizzazioni e soprattutto la assoluta assenza di chiarezza e di comunicazione». Fine delle trasmissioni, della serie non ci sono soldi.

Ieri doveva essere la giornata determinante per dirimere una volta per tutte i dubbi relativi alla ricapitalizzazione del club biancorosso, che ha praticamente le ore contate. Ma il collegio sindacale ha chiesto un rinvio per esaminare sia la regolarità della sottoscrizione di Paparesta, sia quella di Giancaspro secondo il quale la ricapitalizzazione si potrebbe perfezionare attraverso il riconoscimento/trasferimento di un credito vantato da una società (riconducibile a se stesso). Questione sul quale il collegio sindacale ha chiesto approfondimenti aggiornando a martedì pomeriggio la riunione del consiglio di amministrazione.

Sta di fatto che il cda, convocato alle 16.,30, è slittato alle 18, poi alle 20 infine a tarda ora, alle 22.30 I termini per mettere tutto a posto dovrebbero scadere mercoledì a mezzanotte; ma, senza fatti concreti, cioè i soldi, per il Bari si profila il peggio. Per iscriversi al campionato la società deve essere ricapitalizzata, diversamente dovrà ripartire da zero. In due parole: serie D. Un incubo che sta allarmando i tifosi, una comunità di decine di migliaia di persone che hanno creduto e continuano a credere nei colori della maglia della loro squadra del cuore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nicolatifalecce

    10 Luglio 2018 - 22:10

    Vi odio, calcisticamente si intende. Abbiamo pagato per un qualcosa di presunto mentre a voi non è stato fatto nulla. Nonostante tutto mi spiacerebbe. Vi voglio battere sul campo Nicola tifa Lecce

    Rispondi

  • dinox

    10 Luglio 2018 - 19:07

    è il caso di dire; ind a c' man si sciut a firnesc ?

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari riparte dallo Stadio dell Vittoria: la diretta della Gazzetta

Il Bari riparte dallo Stadio della Vittoria
Segui la diretta della Gazzetta

1commento

 
Decaro scrive alla Figc: «Il Bari riparta dalla serie C»

Decaro scrive alla Figc: «Il Bari deve ripartire dalla serie C»

3commenti

 
Bari calcio, il sindaco Decaro incontra i tifosi: ecco il vademecum

Bari calcio, il sindaco Decaro incontra i tifosi: ecco il vademecum

 
bari palermo

Bari, gli ultras organizzano una festa a Pane e Pomodoro: «È ora di mettere un punto e ripartire»

 
Antonio Albanese

Baricalcio, l’imprenditore Albanese: «Io contattato da Giannini»

 
Sisto (FI): l'«avatar» Decaro spostaallo stadio la campagna elettorale

Sisto (FI): l'«avatar» Decaro sposta allo stadio la campagna elettorale

 
Bari, striscione contro CanonicoNo al titolo del Bisceglie. «Mi ritiro»

Bari, striscione contro Canonico
No al titolo del Bisceglie. «Mi ritiro»

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS