Venerdì 20 Luglio 2018 | 08:54

Buongusto

In arrivo l'Igp per l'olio lucano

Ma a fare la differenza sarà il consumatore con le sue scelte di acquisto

RACCOLTA - Le olive sono pronte per fare l'olio nuovo

RACCOLTA - Le olive sono pronte per fare l'olio nuovo

di ANTONELLA MILLARTE

BUONGUSTO - Frantoi al lavoro, mentre un consumatore sempre più distratto pensa troppo spesso solo al costo, dimenticando il gusto e le proprietà nutraceutiche della collezione di oli prodotti in Italia. La Basilicata, terra di olive da olio e da mensa eccellenti, prosegue il suo impegno verso la valorizzazione del prodotto locale ed ha presentato la domanda di riconoscimento della Indicazione Geografica Protetta “Olio Lucano” che l’Associazione di Organizzazioni di produttori del comparto oleario invierà insieme alla documentazione ed al disciplinare di produzione al Mipaaf.

L’attenzione dell’assessorato regionale guidato da Luca Braia verso il settore olivicolo si può tradurre in cifre. In Basilciata ci sono cinque milioni di piante di olivo, distribuite su 28mila ettari di territorio, con oltre 27 varietà autoctone tra cui le più famose sono Ogliarola del Bradano delle Colline Materane, la Maiatica di Ferrandina e l’Ogliarola del Vulture. In pratica, una piccola industria della bontà e che è composta da circa 30mila le aziende e 145 frantoi attivi, gran parte ancora aperti per la campagna olivicola 2017 in corso.

In Basilicata è presente una sola DOP riconosciuta, che è quella dell’olio del Vulture, su 46 marchi a denominazione dell’Italia.

Dopo un percorso durato due anni, le sei organizzazioni di produttori (Apo; Olivicola Lucana, Oprol, Assoprol, Olivicoltori lucani e Uprol) che rappresentano insieme oltre 11mila olivicoltori, circa 8300 ettari di uliveti e 35 trasformatori, hanno costituito l’Associazione IGP olio lucano.

Dall’Associazione è stato inviato ufficialmente al Mipaaf il dossier contenente le relazioni storica, socioeconomica e tecnica oltre che il disciplinare di produzione con le specifiche atte a delineare l’olio lucano che potrà fregiarsi di tale denominazione di qualità, rispettandone le caratteristiche organolettiche e chimico-fisiche sia in fase di produzione che di trasformazione.

Le parole d’ordine di questo percorso che vuol dare valore all’olio lucano sono: aggregazione, tracciabilità, identità territoriale e difesa della tipicità dell’olio extravergine di oliva locale. Ma una volta ottenuto il marchio, a fare la differenza sarà la cultura alimentare e la scelta sullo scaffalefatta dai consumatori ogni giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

A TAVOLA - Ecco una specie di medusa commestibile (foto Antonella Leone)

La medusa in padella

 
A SANGUE - Così si chiamano quelli dal colore rosso

Fichi, arcobaleno di frutti estivi

 
TURISMO - Come il vino fa viaggiare  le bontà  del territorio

Nella terra del Barolo c'è Puglia

 
LA TRAFILA - Ecco come nasce un rigatone

Come il grano diventerà pasta?

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS