Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 10:36

Buongusto

Agnello Igp? La tipicità arriva dal Galles
A tavola in un mondo diventato «glocal»

PASCOLI - Il verde Galles e la sua zootecnia di pregio

PASCOLI - Il verde Galles e la sua zootecnia di pregio

BUONGUSTO - Dal tradizionale agnello con i lampacioni fino a quello con i funghi cardoncelli, o con le patate ed una spolverata di pecorino, senz’altro questa carne è la regina della tradizione culinaria sia pugliese che lucana. Come ogni anno, in vista della Pasqua quando l’agnello non può mancare, ci rendiamo conto della realtà dei numeri: la produzione a km zero di questo animale è davvero minima. I pochi animali prodotti fra Puglia e Basilicata, finiscono per lo più nelle macellerie di paese in cui il forno a legna o il fornello regnano sovrani.

Nel mondo glocal (globale e locale allo stesso tempo) c’è la possibilità di attingere a prodotti tradizionali che arrivano dall’Europa ed in particolare dal Galles. L’obiettivo sicurezza alimentare, con le produzioni IGP, diventa possibile. Mangiare carne di migliore qualità, da scegliere non solo per il prezzo più basso ma per le sue caratteristiche salutistiche e organolettiche è indispensabile per il nostro benessere.

Nel verdissimo Galles il Welsh Lamb IGP proviene da animali allevati al pascolo fra montagne e vallate. Come avviene per l’agnello, anche per i bovini, in Puglia e Basilicata di allevamenti da carne ce ne sono davvero pochissimi. Le nostre sono territori di vacche da latte, e di pregiati latticini. Allora, da una terra altrettanto vocata alla zootecnia come il Galles arriva anche il Welsh Beef IGP. Per sapere di più, abbiamo intervistato Jeff Martin, responsabile dell’ufficio italiano di HCC - Meat Promotion Wales, l’Ente gallese che promuove le carni ovine e bovine nel mondo. In Italia le carni gallesi sono presenti sul mercato da circa un decennio. Le prediligono chef come Matteo Fronduti (vincitore di Top Chef Italia), Diego Rossi (con “Trippa” a Milano ha rilanciato il concept della trattoria) e Misha Sukyas (milanese di origini armene, che fa tendenza).

“L’agnello gallese IGP è una carne dalle grandi qualità - afferma Jeff Martin - la tenerezza, il sapore naturale, delicato e la succulenza sono le caratteristiche che ne determinano la bontà. I tagli piccoli e vari con cui viene presentata sul mercato italiano l’hanno resa una carne facile da cucinare, versatile e adatta alla dieta quotidiana”. Per info www.agnellogallese.eu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione