Sabato 21 Luglio 2018 | 19:38

San Pietro Vernotico

Scu, sequestrati beni
per 300mila euro a Stabile

Un suolo, tre appartamenti, sette veicoli e il capitale di una società

Scu, sequestrati beniper 300mila euro a Stabile

SAN PIETRO VERNOTICO - Beni per oltre 300mila euro sequestrati al sampietrano con precedenti penali Antonio Stabile da parte dei militari della Guardia di Finanza di San Pietro Vernotico, coordinati dal comandante luogotenente dott. Alfredo Proto, al termine di una complessa attività investigativa di polizia economico-finanziaria denominata «Postera Pecunia».

Coordinati dalla Procura della Repubblica-Direzione distrettuale antimafia di Lecce, i finanzieri hanno sottoposto a sequestro beni per un valore complessivo 300mila euro, ma del valore commerciale di 500mila euro. Il tutto in esecuzione di una misura di prevenzione a carattere patrimoniale disposta dal Tribunale di Lecce ai sensi del D.Lgs. n. 159/2011 (Codice delle Leggi Antimafia). Ingente il patrimonio colpito, tra cui un terreno, tre appartamenti, sette veicoli ed il capitale sociale di una s.r.l. attiva nel settore delle energie rinnovabili e della vigilanza e manutenzione di parchi e giardini.

Il provvedimento costituisce la conclusione di una serie di accertamenti eseguiti nei confronti di un pregiudicato del posto, con alle spalle una rilevante storia giudiziaria, condannato in via definitiva per reati contro il patrimonio e tuttora ritenuto contiguo alla Sacra Corona Unita.

Gli accertamenti condotti hanno permesso di accertare una palese sproporzione fra redditi dichiarati e patrimonio del soggetto, che nel corso degli anni (periodo oggetto delle indagini patrimoniali 1997/2016) ha costituito il patrimonio sequestrato (parte del quale formalmente intestato alla moglie), «utilizzando - si legge nel provvedimento di sequestro - proventi derivanti da gravi e molteplici azioni delittuose tra le quali l’estorsione aggravata dal metodo mafioso in concorso con altri numerosi esponenti della consorteria criminale Sacra Corona Unita».

La misura di prevenzione eseguita dai militari dalle Fiamme gialle sampietrane, oltre a testimoniare il costante presidio di sicurezza esercitato sul territorio, conferma l’impegno e l’attenzione del Corpo nella quotidiana azione di contrasto ai traffici illegali e all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati da «soggetti socialmente pericolosi», in sinergia con l’Autorità giudiziaria, ed esalta la valenza degli accertamenti economico-patrimoniali che rappresentano un fondamentale strumento di intervento nella lotta alla criminalità organizzata.

Il Tribunale ha nominato custode dei beni, con facoltà di amministrazione, Ivan Carpentieri, giudice delegato Silvia Saracino. L’udienza di convalida è stata fissata per l’11 aprile. La difesa di Stabile, affidata agli avvocati Francesco Cascione e Rocco Rizzello, ha già raccolto documenti considerati utili a dimostrare la provenienza delle somme di denaro.
Giuseppe De Marco

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Brindisi, assalto a bancomat:bandito ucciso dalla Polizia

Brindisi, assalto al bancomat: bandito ucciso in sparatoria con Polizia Foto

 
La «veggente» Sveva rinviata a giudizio

La «veggente» Sveva
rinviata a giudizio

 
Brindisi, truffa da 4 milioni di euro: rinviata a giudizio l'ex veggente

Brindisi, truffa da 4 milioni di euro: rinviata a giudizio l'ex veggente

 
Paga il parcheggio usando l’app ma la Multiservizi lo multa

Paga il parcheggio usando l’app
ma la Multiservizi lo multa

 
Allarme alga tossica, il sindaco vieta la balneazione in alcune zone

Fasano, allarme alga tossica
il sindaco vieta la balneazione 

 
Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

 
Brindisi, omicidio Di Coste, il pm chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

Brindisi, omicidio Di Coste, il pm
chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

 
Erano finiti sotto processo per aver trasmesso una partita

Erano finiti sotto processo
per aver trasmesso una partita

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS