Cerca

Sabato 20 Gennaio 2018 | 11:58

raggirato brindisino

C'è un pacco di soldi per te
Ma era una truffa on line

La scoperta quando la vittima anzichè all'ufficio postale dove pensava di recarsi si trova davanti uno studio legale

C'è un pacco di soldi per te Ma era una truffa on line

di ANTONIO PORTOLANO

Realizza di essere stato raggirato solo nel momento in cui, al posto dell’ufficio postale - nel quale pensava di dover ritirare un pacco di soldi - si ritrova davanti allo studio di un noto avvocato di Brindisi. Truffatori on line, con una immaginazione ormai senza limiti riescono a gabbare senza difficoltà, non solo gli anziani più ingenui, ma persino provetti internauti.

A farne le spese è stato un brindisino che ha compreso di essere stato truffato solo nella serata di martedì mentre pensava di stare per mettere le mani su una forte somma di danaro. Di quello lo avevano convinto i truffatori.

La vittima del raggiro, sarebbe stata contattata più volte attraverso internet. Nelle comunicazioni l’uomo era stato convinto che ci fosse una grossa somma di danaro destinata proprio a lui e che avrebbe potuto ritirare il pacco in viale Commenda.

Nelle comunicazioni successive tuttavia, alla vittima del raggiro, è stato chiesto di versare più volte somme importanti, affinchè la spedizione di quel pacco con la grossa somma di danaro a lui destinata, e fermo in dogana venisse definitivamente sbloccato.

Una volta spedita l’ultima trance, all’uomo è stato indicato il giorno ed il posto in cui ritirare il pacco con l’ingente somma di danaro.

La vittima del raggiro si è recata quindi sul posto scoprendo con grandissima meraviglia e non poco rammarico che, a quell’indirizzo anzichè l’ufficio postale che pensava di trovare per mettere le mani sul denaro, c’era invece lo studio di un noto penalista brindisino, ovviamente totalmente estraneo ai fatti.

È stato infatti proprio il legale, una volta appresa dall’uomo la sua triste vicenda ad invitarlo a sporgere denuncia.

Da qui la telefonata al 113 con l’interessamento della Polizia di Stato che ha avviato le indagini per risalire agli autori dell’ennesima, quanto originale, truffa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione