Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 21:28

indagine

Brindisi, reati in leggero calo
-9,4% rispetto allo scorso anno

sicurezza

La criminalità a Brindisi ha deciso di abbassare il tiro? Dalle notizie di cronaca che, con frequenza pressochè quotidiana, descrivono il perpetrarsi di rapine, furti e altre azioni delittuose non si direbbe proprio. Eppure le statistiche dicono proprio questo: nel 2016, i reati in generale nel territorio provinciale sono diminuiti di quasi il 10%.

Lo evidenzia a chiare lettere uno studio condotto e pubblicato nei giorni scorsi su “Il Sole 24 Ore” che ha elaborato un dossier sull’attività criminale nei vari territori della penisola. Ebbene, se su scala nazionale il calo riscontrato è stato pari al 7,4%, nella provincia di Brindisi la flessione è stata ancora più consistente: -9,34%.

Nello specifico, secondo i dati redatti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, l’anno scorso in provincia sono stati consumati in totale 13.849 reati in generale, ben 3.488 ogni 100mila abitanti. Nella graduatoria nazionale, Brindisi è in posizione medio-alta, mentre in ambito regionale l’indice più elevato è appannaggio di Foggia (4.287 delitti ogni 100mila abitanti: in totale, i reati sono stati 26.947), seguita da Bari (4.204 delitti ogni 100mila abitanti: reati totali 52.980), da Brindisi e, subito dopo, da Bat (3.321 delitti ogni 100mila abitanti: totale reati 13.038), Lecce (3.074 delitti ogni 100mila abitanti: reati totali 24.654) e Taranto (3.052 delitti ogni 100mila abitanti: reati totali 17.806).

Trend al ribasso, insomma, in tema di criminalità locale. E l’esito positivo di questa indagine si affianca ad un altro studio favorevole - condotto questa volta dall’Istat ogni anno - legato alla percentuale di autori di reati arrestati e assicurati alla giustizia. In questo caso, la provincia di Brindisi è addirittura nelle primissime posizioni della classifica nazionale, visto che nel 2016 le forze dell’ordine sono riuscite ad acciuffare un malvivente su quattro rispetto ai reati denunciati. A riprova che il crimine non paga. Mai. [p. potì]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione