Cerca

Lunedì 11 Dicembre 2017 | 08:45

brindisi

Città invasa dai rifiuti
è emergenza in ogni rione

Ingenti cumuli di immondizia attendono invano di essere raccolti

Città invasa dai rifiuti è emergenza in ogni rione

pierluigi potì

Quel segnale positivo - il lavaggio di alcune strade del centro cittadino (la qual cosa non accadeva da tempo) -, che in molti (Gazzetta compresa) avevano intravisto nel giorno del “debutto” della Ecotecnica, è subito svanito come una bolla di sapone e, se prima dell’avvento della nuova azienda affidataria del servizio, in città la situazione era deficitaria, ora è vera e propria emergenza (dettata anche dal caldo afoso di questi giorni).

L’auspicata inversione di rotta, dunque, è stata sinora smentita dall’incredibile (e inquietante) quantità di rifiuti inopinatamente non raccolti in tutti - nessuno escluso - i quartieri cittadini. Le immagini pubblicate a corredo dell’articolo, del resto, descrivono meglio di ogni parola e commento lo scenario di assoluto degrado che regna sovrano nel territorio comunale. Sant’Elia, Santa Chiara, Commenda, Casale, Bozzano e ogni altra zona di Brindisi (compreso il centro) risultano invase dall’immondizia e, sicuramente, lo scempio in atto non sarà sfuggito al Commissario Prefettizio. Il dott. Santi Giuffrè e i suoi collaboratori non possono certo considerarsi soddisfatti del rendimento e della qualità del servizio mostrati in questi primi giorni da Ecotecnica. E non ci si può certo aggrappare all’alibi del “rodaggio”, anche perchè alla vigilia del primo giorno di appalto, durante l’incontro avuto dai vertici dell’azienda con i sindacati, i lavoratori e il Comune, nessuno ha parlato della necessità di doversi ambientare e del conseguente bisogno di poter disporre di alcuni giorni di tempo. Al contrario, Ecotecnica ha parlato di più mezzi da utilizzare per garantire il servizio di raccolta e di una maggiore attenzione per il litorale e il centro cittadino. Promesse sinora clamorosamente disattese dai desolanti scenari riscontrabili in ogni singolo anfratto urbano.

Non è dato sapere se il Commissario Giuffrè abbia già provveduto a... tirare le orecchie alla ditta affidataria del servizio. Ma se ancora non lo ha fatto, è opportuno che vi provveda quanto prima, laddove quell’enorme quantità di rifiuti disseminati su strade e marciapiedi rappresentano - oltre ad un pericolo per la salute pubblica e ad un sonoro ceffone per una città che punta al turismo - un autentico invito a nozze per topi, blatte e insetti. E i brindisini, sotto quest’aspetto, avendone già un “esercito” con cui convivere, non hanno certo voglia di assistere ad una smisurata riproduzione di tali indesiderati “ospiti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione