Sabato 23 Giugno 2018 | 21:36

Pluriomicida minaccia i famigliari

In casa di un detenuto ai domiciliari trovato un fucile rubato. Va in carcere

di Mimmo Mongelli

ORIA - Ha un diverbio con le figlie e con il genero e li minaccia con un fucile. Arrivano i carabinieri, trovano l’arma (si tratta di un fucile di provenienza furtiva) e per Cosimo Pietro De Michele (detto «Patalino») scatta l’arresto. Il 75enne oritano, che era agli arresti domiciliari per duplice omicidio, è finito in carcere, a Brindisi.

Dopo la telefonata ricevuta dalla figlia e dal genero di De Michele, i detective del luogotenente Roberto Borrello, comandante della stazione CC di Oria, si sono immediatamente recati a casa del 75enne per eseguire una perquisizione alla ricerca del fucile. Manco a dirlo, essendo agli arresti domiciliari per un duplice omicidio, De Michele non avrebbe mai potuto detenere un’arma. Le ricerche condotte dai carabinieri hanno portato al rinvenimento, in una pertinenza dell’abitazione, di una doppietta calibro 12 e 23 cartucce dello stesso calibro. Il fucile era stato rubato a Oria il 23 maggio di due anni fa dall’abitazione di un pensionato 82enne del posto. In quel frangente i ladri, che non sono stati ancora identificati, rubarono anche un altro fucile (di cui si sono perse le tracce). La doppietta e le cartucce trovate dai militari dell’Arma a casa di De Michele sono state poste sotto sequestro. Per il 75enne oritano, che per gravi motivi di salute aveva ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari e il permesso di uscire quotidianamente di casa, si sono aperte le porte della casa circondariale di via Appia. E’ accusato di detenzione illegale di arma lunga, munizioni comuni da sparo e ricettazione.

Scontro a colpi di pistola in pieno centro di Oria tra due nuclei familiari per una questione di refurtiva: la sera del 3 marzo del 2004 due persone persero la vita e altre due restano ferite. Era per quel tragico fatto il 75enne Pietro Cosimo De Michele si trovava ai domiciliari. Quella sera due nuclei familiari si affrontarono a colpi di arma da fuoco in vico Giovanni XXIII, una traversa di via Torre, ad una cinquantina di metri dalla centralissima piazza Lorch, ad Oria. La sera del 3 marzo del 2004 sull’asfalto, dopo quella resa dei conti in perfetto stile da vecchio west, rimase il corpo senza vita di Salvatore Italiano, 39 anni, oritano. Il fratello Livio, 38 anni, morì dopo poco nell’ospedale di Francavilla Fontana. In ospedale finirono anche i fratelli Tommaso e Cosimo De Michele e il loro cugino Pietro De Michele. I carabinieri sul luogo del regolamento di conti contarono dodici bossoli esplosi da pistole calibro 7,65 e 9x21. Salvatore Italiano fu quello ad essere raggiunto da più proiettili. Massimo Italiano era il maggiore dei tre fratelli soprannominati “fierri vecchi” per il fatto che si guadagnavano da vivere raccogliendo e riciclando rottami ferrosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Fasano jazz

Muore «Fasanojazz» nel silenzio più totale

 
sigilli al lido Arca di Noè

Brindisi, sigilli al lido Arca di Noè contestati abusi edilizi

 
Scontro sulla superstrada di Brindisi: un morto

Scontro sulla superstrada di Brindisi: un morto

 
«No all’abbattimento degli alberi» Petizione dei cittadini al sindaco

«No all’abbattimento degli alberi»
Petizione dei cittadini al sindaco

 
Bloccato su un treno narcotrafficante nigeriano

Bloccato su un treno narcotrafficante nigeriano

 
raccolta rifiuti urbani

A Fasano tornano i cassonetti dell’immondizia

 
L'ex sindaco di Brindisi condannato a 4 anni e 4 mesi

L'ex sindaco di Brindisi condannato a 4 anni e 4 mesi

 
Troppi colombi in città arrivano i distributori automatici di «Ovistop»

Troppi colombi in città arrivano
i distributori automatici di «Ovistop»

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Economia TV
Incubo 'hard Brexit' a 2 anni dal voto, Airbus se ne va?

Incubo 'hard Brexit' a 2 anni dal voto, Airbus se ne va?

 
Mondo TV
Test sull'uomo dei farmaci viventi

Test sull'uomo dei farmaci viventi

 
Italia TV
Social network nemici del cervello

Social network nemici del cervello

 
Spettacolo TV
Uragano e pallottole in Alabama

Uragano e pallottole in Alabama

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero