Cerca

Torre Santa Susanna

«Lascia stare quella ragazza»
Pestato a sangue per gelosia

«Lascia stare quella ragazza»  Pestato a sangue per gelosia

TORRE SANTA SUSANNA - Dopo averlo picchiato hanno tentato di dargli fuoco perché aveva intrapreso una relazione con una loro amica. La vittima, un 27enne del posto, è riuscita a fuggire e ha raggiunto la caserma dei carabinieri di Torre Santa Susanna. Dopo qualche ora i militari dell’Arma hanno identificato e rintracciato i due aggressori, che sono stati arrestati. I due – si tratta di un 21enne e un 18enne di Torre Santa Susanna – sono finiti per una notte agli arresti domiciliari e poi sono stati rimessi in libertà dal giudice, che ha derubricato il reato a semplici lesioni.

Il fatto è successo nel tardo pomeriggio di martedì scorso a Torre Santa Susanna. I due “giustizieri” hanno avvicinato il 27enne, che è una persona che fa parte del loro giro di abituali frequentazioni, e lo hanno invitato a fare un giro in auto. Il giovane, non potendo mai immaginare che dietro quell’invito potesse nascondersi una trappola, è salito in macchina. Il terzetto si è così avviato verso le campagne, arrivando in territorio di Erchie. Quando hanno raggiunto una zona isolata i due torresi hanno messo in chiaro quelle che erano le loro reali intenzioni. Il 21enne e il 18enne hanno picchiato il 27enne – reo ai loro occhi di aver intrapreso una storia sentimentale con una loro amica, cosa che i due evidentemente non gradiscono – e, dopo avergliene suonate di santa ragione, lo hanno cosparso di benzina. Se la loro intenzione era quella di andare oltre, appiccando le fiamme alla vittima e facendola diventare una torcia umana, non si può saperlo. Di certo c’è che prima di iniziare a innaffiarlo di benzina gli hanno portato via il cellulare. Il giovane è riuscito ad allontanarsi e ha raggiunto la caserma dei carabinieri di Torre, dove ha raccontato quello che gli era successo ai militari dell’Arma. Soccorso dal personale di un’ambulanza del 118, il 27enne è stato trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana. I medici gli hanno riscontrato contusioni allo zigomo e al volto, che hanno giudicato guaribili in dieci giorni.

La macchina investigativa si è messa immediatamente in moto. I militari dell’Arma hanno identificato e rintracciato a stretto giro di tempo i due presunti autori del pestaggio. Non solo. Individuato il podere dove i due avevano condotto il 27enne torrese per dargli una lezione, si sono recati sul posto e lì hanno trovato la tanica di benzina di cui aveva parlato la vittima. Il contenitore in plastica e gli abiti, inzuppati di liquido infiammabile, che il giovane indossava quando ha bussato alla porta della caserma dei CC, sono stati posti sotto sequestro.

m. mong.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400