Cerca

Ceglie

Droghe per tutti i gusti
in vista del «rave party»

Droghe per tutti i gusti  in vista del «rave party»

di Mimmo Mongelli

CEGLIE - Erano diretti a un rave party in programma nel Leccese: avevano con se un incredibile assortimento di droghe di ogni tipo. Una pattuglia dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni li ha fermati nel cuore della notte all’intersezione tra le strade provinciali che collegano Ceglie a Ostuni, Francavilla Fontana e San Michele Salentino, proprio di fronte ad una nota sala ricevimenti. Antonio Verardi, barese, e Elvis Alla, cittadino albanese residente a Molfetta, entrambi 21enni, sono stati arrestati in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sono finiti in carcere, a Brindisi.

E’ impressionante quello che i carabinieri hanno trovato (e sequestrato) nel corso della perquisizione dei due giovani. I militari dell’Arma del maresciallo Francesco Bavia, comandante dell’aliquota radiomobile della compagnia dell’Arma di San Vito, hanno rinvenuto complessivamente 8,70 grammi di cocaina, 35 grammi di marijuana, un birillo di Mdma, 13 pasticche di ecstasy, oltre a decine di bustine trasparenti del tipo di quelle vengono generalmente usate per confezionare le dosi di sostanza stupefacente. Non finisce qui. I militi hanno anche recuperato un coltello del genere vietato, di cui uno die due giovani ha tentato, senza riuscirci, di sbarazzarsi quando i carabinieri gli hanno intimato l’alt, e un nunkhaku, un’arma di tipo contundente che è molto diffusa in Oriente.

I due giovani viaggiavano a bordo di una Fiat Idea. L’equipaggio della gazzella dei CC gli ha intimato l’alt attorno alle 4 e 30 della notte tra sabato e domenica scorsi. Mentre il conducente dell’auto arrestava la marcia del veicolo il passeggero ha lanciato dal finestrino un oggetto. I militari dell’Arma lo hanno subito recuperato: si trattava di un coltello del genere vietato. Mentre i due carabinieri si avvicinavano all’Idea il 21enne albanese ha tentato di nascondere sotto il sedile anteriore lato passeggero un contenitore, ma i militi se ne sono accorti e hanno esteso la perquisizione all’intera auto. Sotto il sedile del veicolo i militari dell’Arma hanno scovato un involucro contenente 17 dosi di marijuana già pronte per essere vendute.

La droga nascoste negli slip. Nel corso della perquisizione personale del 21enne albanese i carabinieri hanno trovato altra “erba.” Il giovane aveva nascosto la sostanza stupefacente nelle mutande, convinto che, anche in caso di controllo da parte delle forze di polizia, a nessuno sarebbe venuto in mente di andare a guardare nei suoi slip. Si era fatto decisamente male i conti: i militi hanno trovato la droga, anche se era… ben nascosta. Proseguendo nella perquisizione i militari dell’Arma hanno trovato, nel cruscotto dell’Idea, una confezione di caramelle al cui interno c’erano 13 pasticche di ecstasy.

Il bilancio dell’operazione si completa con il rinvenimento di una decina 13 “birilli” di cocaina e altri quattro grammi della stessa sostanza stupefacente. Mentre i detective del capitano Diego Ruocco, comandante della compagnia CC di San Vito, procedevano alla perquisizione dei due giovani baresi sul cellulare dei due ragazzi sono giunte diverse telefonate di partecipanti al rave che sollecitavano Verardi e Alla a muoversi a raggiungerli. Al party in programma nelle campagne del Salento i due giovani non ci sono arrivati. La loro trasferta da Bari a Lecce si è interrotta sulla Ceglie-Ostuni, dove sono stati fermati da una pattuglia dei carabinieri. Il sostituto procuratore della Repubblica Valeria Farina Valaori, che in quel momento era di turno in Procura a Brindisi, informato dai militari dell’Arma dell’operazione appena conclusa, ha disposto che i due presunti pusher fossero condotti nella casa circondariale di via Appia, a Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400