Cerca

processo a brindisi

Ex maresciallo MM ritratta
ed accusa due vigili urbani

Ex maresciallo MM ritrattaed accusa due vigili urbani

BRINDISI - Si è presentato nell’aula del Tribunale aula e ha ritrattato: Antonio Castrignano, l’ex maresciallo della Capitaneria di porto arrestato e posto agli arresti domiciliari mercoledì scorso per falsa testimonianza, ha deposto oggi, su sua richiesta, nel processo in cui era accusato di avere dichiarato il falso e ha fornito una nuova versione dei fatti, ritrattando quanto detto in precedenza. Già nell’interrogatorio di garanzia reso davanti al gip dopo l'arresto l’uomo aveva ammesso di aver fornito a dibattimento dichiarazioni mendaci.
La ritrattazione del testimone, prima della chiusura del dibattimento, è causa di non punibilità come previsto dall’articolo 376 del Codice penale. Spetterà ora al pm inquirente, Milto Stefano De Nozza, chiedere l’eventuale archiviazione del procedimento nei confronti di Castrignano.

Il processo è a carico di due vigili urbani di Francavilla Fontana (Brindisi) accusati di concussione aggravata per aver chiesto denaro a un commerciante, minacciando in caso contrario di sequestrare un’area di sua proprietà. Secondo le ipotesi d’accusa, Castrignano avrebbe omesso alcuni particolari e avrebbe dichiarato falsamente altre circostanze, proprio al fine di coprire i due imputati e scagionarli. A quanto riferito in aula da Castrignano, a chiedergli di raccontare il falso sarebbero stati proprio i due imputati nel corso di un incontro. I legali degli imputati, subito dopo l’inizio dell’udienza, avevano formulato una richiesta di remissione del processo, ritenendo che l’arresto del testimone sia causa di pregiudizio della libera determinazione delle persone che partecipano al processo. La richiesta di sospensione è stata rigettata, la questione sollevata dagli avvocati sarà comunque analizzata dalla Corte di Cassazione che deciderà sulla istanza di rimessione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400