Lunedì 16 Luglio 2018 | 11:04

A quarta subentra pierri

Dichiarato ineleggibile
consigliere sostituito
al Comune di Brindisi

Dichiarato ineleggibile consigliere sostituito al Comune di Brindisi

BARI - Si è svolto oggi, non senza 'turbolenzè, il primo consiglio comunale a Brindisi, dopo l'elezione del sindaco Angela Carluccio, al vertice di una coalizione di centro che comprende anche i Conservatori e Riformisti. Proprio l’esponente dei fittiani, il più suffragato, Pietro Guadalupi, 25 anni, è stato eletto presidente dell’assemblea.

Nella prima seduta si è proceduto, tra l’altro, ad esaminare le presunte posizioni di ineleggibilità e di incompatibilità. Per quanto riguarda l’ineleggibilità, sulla scorta di una segnalazione redatta nel giorni scorsi dalla prefettura di Brindisi e del parere vincolante espresso oggi in aula dal segretario comunale, il consiglio ha votato a maggioranza l'ineleggibilità del consigliere Gianluca Quarta, il più suffragato nella lista Brindisi Popolare, a supporto del candidato Nando Marino, sostenuto anche dal Pd. Al suo posto è entrato in assise il primo dei non eletti per la lista di Brindisi Popolare, Teodoro Pierri. Quarta, quando si è candidato, era presidente di una società partecipata dal Comune.

Due erano le altre posizioni di presunta incompatibilità da esaminare: quelle dei consiglieri Maurizio Colella e Teodoro Scarano, rispettivamente di Democratici per Brindisi e Nando Marino Sindaco, entrambi all’opposizione. La documentazione fornita dai due consiglieri eletti ha consentito di considerare sanata l’incompatibilità e dunque entrambi sono stati confermati all’interno del consiglio comunale. Il consigliere comunale Nicola Massari ha comunicato le proprie dimissioni e al suo posto in assise è entrato il primo dei non eletti nella lista di Forza Italia, Mauro D’Attis.

A commento dell’esclusione dal consiglio, Quarta ha scritto in una nota che i suoi «768 elettori hanno subito un torto, al sapore di vendetta personale». Quarta ha annunciato di voler intraprendere azioni giudiziarie di responsabilità personale, ritenendo che i pareri sulla questione di ineleggibilità non fossero ancora del tutto completi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ostuni, «La “città bianca” deve tornare ad essere bianca»

Ostuni, «La “città bianca”
deve tornare ad essere bianca»

 
Guasto a traghetto in Grecia, passeggeri bloccati a Brindisi

Guasto a traghetto in Grecia, passeggeri bloccati a Brindisi. «Senza autorizzazioni»

 
Brindisi, poliziotto in affari con i clan

Brindisi, poliziotto in affari con i clan

 
Per l’Inps è morto e subito gli revocano la pensione

Per l’Inps è morto e subito gli revocano la pensione

 
«Rubano» l’identità per truffare gli anziani

«Rubano» l’identità per truffare gli anziani

 
Ancora fiamme a Torre Guaceto

Ancora fiamme a Torre Guaceto

 
Rapinatore brindisino evadeper amore: finisce in cella

Rapinatore brindisino evade
per amore: finisce in cella

 
Marijuana

Ostuni, sequestrati 34 chili di marijuana «sottovuoto»

 

GDM.TV

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 
Negramaro a Lecce, il concertoallo stadio davanti ai 30mila

Negramaro a Lecce, il concerto allo stadio davanti ai 30mila

 
Lunghe assenze dall'ospedale, sospeso direttore medico a Campi Salentina

Campi, medico assenteista lasciava l'ospedale per andare nel suo hotel Vd

 
Si assentavano dal lavoro, sospesi 9 dipendenti del comune di Lecce

Tornano i furbetti del cartellino: beccati e sospesi 9 dipendenti del comune di Lecce

 
Bagarre in aula sul dl Palagiustizia tutti contro Bonafede: parte il coro «onestà»

Bagarre in aula sul dl Palagiustizia, parte il coro «onestà»

 

PHOTONEWS