Lunedì 16 Luglio 2018 | 11:04

agricoltura

Xylella, si allarga
il fronte a rischio

A repentaglio anche la piana degli ulivi millenari compresa tra Carovigno e Fasano

Xylella, si allarga  il fronte a rischio

BRINDISI - Il territorio della provincia di Brindisi sempre più a rischio Xylella fastidiosa.

A repentaglio adesso è la piana degli ulivi millenari compresa tra Carovigno e Fasano.

Le recenti disposizioni comunitarie del maggio scorso e la successiva determinazione del Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambientale della Regione Puglia del 24 maggio hanno modificato ulteriormente le aree delimitate alla Xylella fastidiosa.

In buona sostanza, l’estremo confine nord della zona cuscinetto è quasi arrivato ormai al limite del confine posto tra le province di Brindisi e Bari.

La zona cuscinetto – che è posta a nord della zona di contenimento e si estende dal mar Ionio al mar Adriatico, con una larghezza non inferiore ai 10 chilometri - ormai arriva a comprendere buona parte del territorio di Fasano e l’intero territorio di Cisternino, partendo dalla zona sud di Ostuni e di Ceglie Messapica. Il resto del territorio provinciale è diviso tra zona di contenimento e zona infetta.

Insomma, il batterio della Xylella fastidiosa avanza senza aspettare i tempi della burocrazia, né tanto meno i tempi della giustizia.

Si tratta di una vera e propria emergenza per il territorio della provincia di Brindisi.

Un territorio a forte vocazione olivicola con una parte caratterizzata da ulivi secolari e millenari, che rappresentano un importante fattore di attrazione per il turismo e per la multifunzionalità agricola che è uno dei pochi settori che sta garantendo reddito alle imprese agricole.

Se le istituzioni non intervengono concretamente per bloccare l’avanzare della Xylella fastidiosa a rischio vi è l’intera economia della provincia di Brindisi.

Il paventarsi recentemente del rischio di una seconda procedura di infrazione comunitaria contro l’Italia, rea di non aver applicato le misure contro la Xylella, e il successivo e conseguente dissequestro degli ulivi infetti da parte della magistratura, rappresentano gli ultimi due episodi di una vicenda che va avanti oramai da anni e sulla quale vige ancora tanta confusione.

A giugno scorso, inoltre, la Corte di giustizia dell’Unione Europea aveva stabilito che la Commissione UE può obbligare gli Stati membri a rimuovere tutte le piante potenzialmente infettate dal batterio Xylella fastidiosa, ancorché non presentanti sintomi d’infezione, qualora esse si trovino in prossimità delle piante già infettate, perché la misura è proporzionata all’obiettivo di protezione fitosanitaria nell’Unione ed è giustificata dal principio di precauzione.

A rimetterci fino ad ora sono stati gli agricoltori – che hanno subito ingenti perdite di reddito - e il territorio della provincia di Lecce, Brindisi e Taranto. E a rischio è l’intero territorio pugliese.

Non solo per la perdita di olivi e quindi di produzione e di bellezze naturali, ma anche perché bersaglio di voci messe artatamente in giro che qualificano l’olio di oliva salentino non buono perché “infetto da Xylella”.

Tutto ciò ovviamente è falso e tendenzioso. Il batterio, infatti, non intacca la drupa e quindi di conseguenza non incide minimamente sulla qualità dell’olio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • CicciCapucci

    CicciCapucci

    14 Agosto 2016 - 14:02

    È ovvio che vada realizzata una barriera tagliafuoco, come negli incendi ma a questo si sono opposte istituzioni blasonate come la Regione Puglia e la Procura di Lecce spalleggiate da gomplottisti, ambienttdalisti, associazioni degli agricoltori e sindaci. Ma la pandemia avanza verso nord. Presto colpirà altri Paesi del mediterraneo e sarà inarrestabile. Modificherà in peggio panorama, turismo, valori dei terreni e dei fabbricati. Ci sono gli elementi per condurre una azione di responsabilità verso queste istituzioni, così incapaci.

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ostuni, «La “città bianca” deve tornare ad essere bianca»

Ostuni, «La “città bianca”
deve tornare ad essere bianca»

 
Guasto a traghetto in Grecia, passeggeri bloccati a Brindisi

Guasto a traghetto in Grecia, passeggeri bloccati a Brindisi. «Senza autorizzazioni»

 
Brindisi, poliziotto in affari con i clan

Brindisi, poliziotto in affari con i clan

 
Per l’Inps è morto e subito gli revocano la pensione

Per l’Inps è morto e subito gli revocano la pensione

 
«Rubano» l’identità per truffare gli anziani

«Rubano» l’identità per truffare gli anziani

 
Ancora fiamme a Torre Guaceto

Ancora fiamme a Torre Guaceto

 
Rapinatore brindisino evadeper amore: finisce in cella

Rapinatore brindisino evade
per amore: finisce in cella

 
Marijuana

Ostuni, sequestrati 34 chili di marijuana «sottovuoto»

 

GDM.TV

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 
Negramaro a Lecce, il concertoallo stadio davanti ai 30mila

Negramaro a Lecce, il concerto allo stadio davanti ai 30mila

 
Lunghe assenze dall'ospedale, sospeso direttore medico a Campi Salentina

Campi, medico assenteista lasciava l'ospedale per andare nel suo hotel Vd

 
Si assentavano dal lavoro, sospesi 9 dipendenti del comune di Lecce

Tornano i furbetti del cartellino: beccati e sospesi 9 dipendenti del comune di Lecce

 
Bagarre in aula sul dl Palagiustizia tutti contro Bonafede: parte il coro «onestà»

Bagarre in aula sul dl Palagiustizia, parte il coro «onestà»

 

PHOTONEWS