Cerca

Subito dopo il delitto si è costituito

Latiano, altro litigio per soldi
il padre uccide il figlio 33enne
Sei colpi di pistola, tre alla testa

carabinieri

LATIANO (BRINDISI) - Un uomo di 33 anni, Antonio Di Cataldo, è stato ucciso con sei colpi di pistola dal padre Cosimo, che si è poi costituito. E’ accaduto nella tarda serata di ieri a Latiano, in provincia di Brindisi. I fatti si sono verificati in una abitazione che si trova nei pressi del campo sportivo in via Francesco Scarafile.

Il delitto è avvenuto a seguito di una lite dopo l’ennesima richiesta di denaro da parte del 33enne, il genitore avrebbe sparato sei colpi di un revolver calibro 38, illegalmente detenuto e portato in casa dal giovane. Cinque colpi hanno raggiunto la vittima, tre dei quali alla testa. Il padre ha subito chiamato i carabinieri. E’ stato trovato in casa, in stato di choc e subito portato in caserma per essere interrogato al fianco del suo avvocato Giancarlo Camassa. Al momento dei fatti era presente anche la madre del 33enne, moglie dell’arrestato. A quanto pare le discussioni in famiglia andavano avanti da molto tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400