Cerca

Ferrarese: «Impresentabili? Erano nelle liste di Emiliano»

Ferrarese: «Impresentabili? Erano nelle liste di Emiliano»

di Roberto Calpista

BRINDISI - Massimo Ferrarese è un po’ il deus ex machina della vittoria di Angela Carluccio a Brindisi. Avete ribaltato il risultato del primo turno.

Il segreto? 

Avevamo un progetto migliore, nuovo, anche se realizzato in pochi giorni.

Ferrarese, cosa siete centrodestra, centro o centrosinistra?

Siamo moderati di centro che stanno dando vita ad una nuova allenza.

Per il Pd c’è spazio?

Il Pd si è messo contro chi qui li aveva resuscitati.

Che le hanno fatto?

Mi sarei aspettato di essere consultato per la scelta del candidato. Il candidato non si impone. Mi hanno detto no e ancora no quando ho chiesto le primarie. Allora ho preso un’altra strada con i moderati e le liste civiche. Dimostrando che quando siamo uniti vinciamo.

Ha visto l’abbraccio tra la Carluccio e Mimmo Consales, l’ex sindaco arrestato a febbraio (tornato in libertà a maggio) insieme ad altre due persone per corruzione?

Le cose sono andate così: Consales è passato a congratularsi per la vittoria, come del resto hanno fatto altre migliaia di cittadini, con il nuovo sindaco e la Carluccio ha risposto. Mai esistiti rapporti politici tra i due. Poi se qualcuno vuole strumentalizzare dicendo falsità...

Si riferisce a Michele Emiliano?

Il «gruppetto» nel mirino di Emiliano è composto da ex Pd che hanno fatto vincere lui alle regionali. Ora per dissidi interni sono diventati improvvisamente tutti impresentabili.

Luperti (ha un avviso di garanzia), Brigante, Loiacono, Moretti e Ribezzi erano tutti personaggi di peso nella precedente amministrazione che poi, dopo l’arresto dell’allora sindaco Consales, è stata commissariata. E ora tornano al Comune con voi. Cos’è, il nuovo che avanza?

Luperti ha fatto l’assessore con il Pd e campagna elettorale per Emiliano alle regionali. Ora è impresentabile? Capisco che il presidente della Regione sia arrabbiato per aver perso a Brindisi, ma deve guardare agli impresentabili che sono nelle liste in coalizione con lui. La parte peggiore l’ha candidata lui.

Lei voterebbe per uno su cui pende il «dubbio dell’avviso di garanzia?

Io sono severo, non lo candiderei mai. Ma in questo caso, al tempo in cui abbiamo predisposto le liste, ancora non c’era alcun provvedimento in atto.

Ferrarese lei è un politico scomodo?

Tanta gente che ho allontanato si è messa insieme per farmela pagare per quel che io faccio per una politica nuova. Ma ho vinto io ed oggi sono finalmente libero di dire ciò che voglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400