Cerca

Ostuni, troppi black out Imprenditore scrive al Comune:«Riparo gratis»

Ostuni, troppi black out Imprenditore scrive al Comune:«Riparo gratis»
OSTUNI (Brindisi) - I black-out dell’impianto sono diventati un fatto quotidiano e il Comune, puntualmente, impiega diversi giorni per riparare il guasto e ripristinare la pubblica illuminazione nel quartiere con tutti i disagi che ogni volta derivano da questa situazione ai residenti e a coloro che hanno le proprie attività commerciali e artigianali nella zona? Il modo di risolvere il problema senza che l’ente locale, le cui casse sono sempre più desolatamente vuote, debba spendere un solo centesimo di euro esiste. C’è un privato che si è offerto di eseguire a titolo completamente gratuito – nessun refuso, è proprio così – “l’esecuzione dei necessari interventi manutentivi per il ripristino del funzionamento dell’impianto di illuminazione”.

L’imprenditore in questione non è un pazzo. In tempi in cui, a causa delle sempre maggiori ristrettezze di bilancio, i comuni il più delle volte non hanno i soldi neanche per provvedere all’ordinaria manutenzione di strade e aree pubbliche, capita (per fortuna) che qualche privato di buon cuore di faccia avanti per fare quello che l’ente pubblico non può fare. Proprio la settimana scorsa abbiamo pubblicato un servizio in cui raccontavamo dell’iniziativa intrapresa dal titolare di un frantoio ubicato a Pozzo Faceto che, a sue spese, ha inviato una squadra di operai a rattoppare il manto bituminoso di una strada comunale ridotta a pericolosa groviera. Ma torniamo alla “ricetta” proposta al commissario prefettizio che regge le sorti del Comune da Floriano Laguardia, amministratore della New South Europe Impianti per risolvere “il disservizio della pubblica illuminazione in via Valletta e dintorni”.

“La nostra impresa – si legge nella nota che nelle settimane scorse l’imprenditore fasanese ha inviato al vice prefetto Erminia Cicoria – opera da decenni nel settore degli impianti elettrici e ha sede legale e operativa in via Valletta. Considerato che da parecchi giorni (la missiva è datata 15 ottobre scorso –ndr) l’intera strada, dove oltre alla nostra azienda sono ubicate un gran numero di abitazioni e di attività commerciali e artigiane, non fruisce del servizio di pubblica illuminazione con gravi rischi per le abitazioni e le attività economiche e che tale problematica, oltre a riguardare via Valletta, riguarda l’intero quartiere (via Roma, via Ribattino, via Ansaldo, via Lancia, ecc), con la presente ci offriamo di eseguire gratuitamente i necessari interventi manutentivi per il ripristino del funzionamento dell’impianto di illuminazione di queste zone del tessuto urbano”.

Nell’eventualità a Palazzo di città a qualcuno potesse sfuggire che la ditta non vuole il becco di un quattrino per l’intervento che si propone di realizzare l’amministratore della New South Europe Impianti lo ribadisce, sottolineandolo e usando un carattere in grassetto, in conclusione della lettera inviata al Comune. “Nel ribadire – scrive Floriano Laguardia – che tale intervento sarà totalmente a carico della scrivente senza alcun costo per il Comune, si richiede l’autorizzazione per poter intervenire ripristinando la normalità in una zona della città densamente popolata e caratterizzata da un gran numero di attività economiche”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400