Cerca

Manda sms a firma «Isis» ma sbaglia numero Burla gli costa la denuncia

Manda sms a firma «Isis» ma sbaglia numero Burla gli costa la denuncia
BRINDISI - Voleva fare solo uno scherzo ad una persona amica, ma evidentemente ha sbagliato numero di telefono (quindi, destinatario), e soprattutto argomento di... gioco, e ora rischia di finire nei guai. Protagonista un uomo residente nella provincia di Brindisi che, nei giorni scorsi, ha utilizzato una delle applicazioni più in voga del momento - whatsapp - per inviare al cellulare di un amico un messaggio di morte a firma del temutissimo Isis, il gruppo terroristico islamico che da un anno e mezzo ha proclamato la nascita di un califfato nei territori caduti sotto il suo controllo e che, di recente, si è reso protagonista di una serie di attentati (l’ultimo dei quali a Parigi ha causato 129 morti) che hanno terrorizzato il mondo intero. Solo che, nel formare il numero, evidentemente ha sbagliato tasto e il messaggio è finito sul telefonino di una donna residente a Modena. Quest’ultima, non riconoscendo il mittente, si è allarmata e ha subito informato la polizia del luogo, la quale a sua volta ha immediatamente avviato le indagini, risalendo in pochissimo tempo all’autore.

Quando poi è stato contattato dai poliziotti, in cerca di un motivo che potesse spiegare il suo gesto, l’uomo ha subito capito di essere incorso in un grossolano errore e ha provato a spiegare agli agenti che si trattava di uno scherzo, magari di cattivo gusto, ma pur sempre con finalità di gioco e che non era affatto sua intenzione mettere in allarme e intimorire una persona che non conosceva affatto. Preso atto di quanto riferito dall’interlocutore al telefono, i poliziotti si sono preoccupati innanzitutto di tranquilizzare la donna destinataria del messaggio di morte, rassicurandola del fatto che si trattava solo di una burla. Non è dato sapere se la donna modenese, che peraltro aveva già formalizzato una denuncia-querela presso la procura, si accontenterà delle scuse o se deciderà comunque di andare avanti. L’unica cosa certa è che la vicenda, comunque andrà a finire, sarà servita come lezione al brindisino che, in futuro, di certo utilizzerà whatsapp... per tutt’altre finalità. [p. potì]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400