Cerca

Manifestanti bloccano i treni a San Pietro Vernotico «Non si distruggono gli ulivi»

Manifestanti bloccano i treni a San Pietro Vernotico «Non si distruggono gli ulivi»
SAN PIETRO VERNOTICO (BRINDISI) – Un gruppo di circa cinquanta manifestanti, contrario alla eradicazione degli ulivi prevista dal piano anti xylella, ha occupato i binari ferroviari lungo la tratta Lecce-Brindisi, nei pressi della stazione di San Pietro Vernotico. Il blocco è andato avanti sino alle 23 della sera ed ha interessato circa una trentina di treni.

I dimostranti chiedono lo stop del piano. Fermi due treni Frecciabianca (il Venezia-Lecce e il Milano- Lecce) e un regionale Lecce-Bari. Presente anche Nandu Popu, leader dei Sud Sound System alla stazione.

Trenitalia ha subito attivato bus sostitutivi per il tratto Lecce-Brindisi. Si registrano comunque ritardi nelle altre stazioni.

Sempre in mattinata un'altra manifestazione si è svolta  a Torchiarolo dove cittadini, attivisti e agricoltori, con i loro mezzi, si sono ritrovati nella piazza centrale del piccolo comune, al confine tra le province di Brindisi e Lecce e in cui ci sono migliaia ulivi da abbattere e in parte già estirpati.

Molti studenti non sono andati a scuola per partecipare alla manifestazione. "Presidiamo le strade che portano verso i terreni, per convogliare quanti più contadini possibile in piazza". Poi è partito un corteo e verso il Comune. «Per chiedere il supporto dell’amministrazione e della polizia locale, soprattutto, durante gli interventi della Forestale nei terreni", è detto in un messaggio inviato sui telefoni cellulari dei cittadini.

A San Pietro Vernotico la polizia ha trattato fino all’ultimo per convincere gli ultimi dimostranti ad andare via.
La richiesta da parte degli ambientalisti era di incontrare il prefetto di Brindisi, Nicola Prete, che ha espresso la disponibilità a ricevere in mattinata una loro delegazion, tanto che il blocco è stato rimosso in serata. 
Trenitalia ha fatto sapere che la circolazione sulla linea Lecce - Bari è ripresa non appena è terminata l’occupazione dei binari.
Sono stati oltre trenta i treni coinvolti, tra regionali e a lunga percorrenza, limitati a Brindisi o cancellati. Durante l'interruzione è stato attivato un servizio di bus sostitutivi tra Lecce e Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400