Cerca

Ostuni, nessuno vuole i beni donati al Comune Deserta asta immobiliare

Ostuni, nessuno vuole i beni donati al Comune Deserta asta immobiliare
OSTUNI - iE’ stata dichiarata “deserta” (per la seconda volta consecutiva) la procedura per l’alienazione degli immobili costituenti l’eredità Amati in quanto non pervenuta alcuna offerta. Le stime a base d’asta degli immobili facenti parte dell’eredità del compianto ins. Pietro Amati (che il de cuius ha lasciato al comune perché fossero venduti e, col ricavato, si potesse realizzare la somma necessaria per fare una struttura sociale in contrada Fiorentino destinata ad ospitare anziani), erano state rimodulate proprio per permettere la partecipazione a chi ne fosse stato interessato.Invece non è intervenuto nessuno e quindi ora bisognerà, ancora una volta, rivedere le stime di vendita degli immobili e rifare la gara d’asta.

Come si ricorderà, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n.160 del 16 giugno scorso ed ai sensi dell’art. 19 del vigente Regolamento Comunale, si era rifatto il bando di gara con la riduzione del 10% rispetto ai prezzi fissati nella precedente di gara andata deserta, per l’alienazione degli immobili con il sistema della trattativa privata da espletarsi con il metodo delle offerte segrete al rialzo rispetto al prezzo a base d’asta.

L’indizione dell’asta pubblica, era stata ed è anche questa volta, rimasta distinta in cinque lotti: n. 1) costituito da: Scantinato, ubicato in Via Erminio Continelli, 20, composto da un deposito interrato non carrabile, consistenza 37 mq con prezzo a base d’asta di 8 mila euro; lotto n. 3) costituito da una abitazione di campagna, con terreno agricolo, ubicata in agro in contrada Campanile, posta su due piani fuori terra, con prezzo a base d’asta di 200 mila euro; il lotto n. 4) costituito da: mezzo palazzo tipo signorile (mezza quota indivisa), ubicato in corso Magg. Ayroldi, 12-14-16, angolo Via F. Fiorentino, 2-4 e composto da un fabbricato realizzato su tre livelli (terra, ammezzato e primo), in catasto fabbricati consistenza 13 mq, p.T.; subalterno 2 consistenza mq. 12, p.T.; subalterno 3, consistente in 7 vani 7, 1° piano, subalterno 4, consistenza in 78 mq piano terra e subalterno 5, consistenza in 6 vani, piano ammezzato con prezzo a base d’asta di 280 mila euro; lotto n. 5) costituito da un appezzamento agricolo, con ordinamento colturale dominante di oliveto secolare, con piccolo rudere diroccato, in catasto fabbricati al foglio 48 particella 1281 sub. 1, sito in contrada Alberodolce. Terreno con giacitura pianeggiante, forma irregolare, con piante di olivo di media e grassa mole, in catasto terreni al foglio 48 particelle 1276-1280 per una superficie catastale di Ha 4.8821 e con prezzo base d’asta di 128 mila euro e, infine, il lotto n. 6) costituito da un appezzamento agricolo, con ordinamento colturale dominante di oliveto secolare, con fabbricato tipo rurale edificato su due livelli, parte destinato ad abitazione e parte al servizio dell’attività agricola, sito in contrada Alberodolce e terreno con giacitura pianeggiante, forma irregolare, con piante d’oliva di media e grassa mole, in catasto terreni al foglio 48 particelle 98-105-1277-1282-1285, foglio 49 particella 25 e foglio 61 particella 61 per una superficie catastale di Ha 8,5566 ed un prezzo complessivo a base d’asta di 480 mila euro.Sino ad oggi solo il lotto n. 2 e costituito da una abitazione, ubicata alla via Andrea Costa, 26 e composta da un monolocale di un vano a piano terra, è stato aggiudicato per il prezzo di 26 mila euro ai signori Adolfo Folloni e Elisabetta Scalera di Modena.Con atto n. 162 del 13 maggio 2014: “ Donazione beni immobili dell’ins. Pietro Amati. Linee di indirizzo per la procedura di alienazione”, la Giunta Comunale aveva preso atto dello schema di bando predisposto dal Servizio Finanziario–Patrimonio, oggetto di valutazione da parte dell’Ufficio gare, appalti e contratti, per l’alienazione dei beni immobili costituenti l’eredità Amati nonché aveva stabilito di procedere all’attivazione delle procedure di alienazione degli immobili facenti parte dell’asse ereditario, ripartendo gli stessi in lotti, per una più facile collocazione nel mercato immobiliare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400