Cerca

Pestaggi e minacce ad allevatore: in cella un un 32enne a Brindisi

Pestaggi e minacce ad allevatore: in cella un un 32enne a Brindisi
BRINDISI - E’ stato arrestato questa mattina da agenti della Squadra Mobile, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Brindisi Stefania De Angelis su richiesta del pm Valeria Farina Valori, il pregiudicato brindisino Marcello Musarò, 32 anni, ritenuto responsabile di estorsione, rapina e danneggiamento aggravato in concorso. Vittima un allevatore.

In particolare, le indagini sono cominciate il 10 ottobre scorso quando la vittima ha chiamato la sala operativa della Questura dopo aver subito un tentativo di aggressione da parte di tre persone che avevano tentato di ucciderlo. Gli aggressori erano fuggiti subito dopo. I poliziotti hanno accertato segni di effrazione alla porta d’ingresso dell’abitazione della vittima.

Grazie alla collaborazione e alla denuncia di quest’ultima è stato identificato tra gli aggressori Walter Ferrero, 66 anni, pluripregiudicato di San Pietro Vernotico il quale si sarebbe reso già responsabile di precedenti atti intimidatori e pestaggi nei suoi confronti. 

In particolare l’allevatore ha riferito che, inizialmente, si era accordato per custodire nella propria masseria, provvista di stalle, i cavalli di Ferrero il quale inizialmente ha pagato la somma di 300 euro ma quando lo stesso pregiudicato ha deciso di interrompere i pagamenti pattuiti, sono iniziate una serie di azioni intimidatorie, culminate, a fine luglio, con una violentissima aggressione di Ferrero, che annovera diversi precedenti dal traffico di stupefacenti al sequestro di persona, e di altre due persone.

Il 10 ottobre Ferrero è stato arrestato e posto ai domiciliari in flagranza per minacce gravi, violazione di domicilio in concorso. Le successive investigazioni, supportate anche da attività tecniche, hanno portato a identificare uno dei due uomini che in concorso con l’arrestato, hanno compiuto il pestaggio, peraltro riconosciuto dalla vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400