Cerca

Scontro su Ostuni-Villanova Famiglia distrutta: muore figlio e dopo 8 giorni il padre

Scontro su Ostuni-Villanova Famiglia distrutta: muore figlio e dopo 8 giorni il padre
OSTUNI - A distanza di 8 giorni dal decesso del figlio, il 36enne Fabio Contento, alle prime ore di ieri mattina nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale «Perrino» di Brindisi si è spento il padre, il 67enne, Nicola Contento. Ambedue viaggiavano a bordo della loro Fiat Punto di colore grigio allorquando, lo scorso 14 settembre, furono vittime di un brutto incidente stradale sulla provinciale che collega Ostuni alla frazione marina di Villanova. Intorno alle 16, padre e figlio stavano rincasando a bordo della loro auto e mentre l’auto svoltava verso l’ingresso della loro villetta rurale situata proprio a ridosso della strada per Villanova, quando furono tamponati da un Suv condotto da un ostunese. L’impatto fu violento tant’è che l’auto con i due occupanti venne sbalzata contro il muro opposto. Sul posto dovettero intervenire i Vigili del fuoco del locale distaccamento per estrarre dalle lamiere contorte il 67enne Nicola Contento che era alla guida della vettura (restò illeso il conducente del Suv).

Le condizioni dei due feriti apparvero subito gravi tant’è che i medici del 118 li trasportarono d’urgenza e in codice rosso all’ospedale Perrino di Brindisi. Padre e figlio furono ricoverati in terapia intensiva stante la gravità delle loro condizioni. Il giovane professionista ha lottato tra la vita e la morte per 21 giorni. Lunedì 5 ottobre, a seguito dei gravi traumi riportati nel terribile impatto con l’aggiunta delle complicazioni dovute a delle infezioni, il decesso. Ieri mattina, a distanza di 29 giorni da quello schianto, per arresto cardiaco si è spento l’anziano che, nelle ultime ore, aveva visto il quadro clinico peggiorare improvvisamente. Un drammatico epilogo che lascia costernata una intera comunità dove la famiglia era conosciuta e apprezzata.

Originario della Città Bianca, Nicola Contento ha vissuto per anni in Belgio, dove si era sposato e dove erano nati i due figli maschi. Venti anni fa era rientrato nella terra natia con moglie e figli e proprio uno di loro, Fabio, era diventato un affermato geometra, molto ligio, apprezzato e attento sul lavoro, educato, rispettoso e cortese con tutti. La famiglia si era stretta intorno all’altro figlio che ora rimane improvvisamente solo e con la madre senza un supporto economico. I funerali saranno celebrati non appena ritorneranno a Ostuni i parenti dal Belgio stante il fatto che solo pochi giorni fa era ripartiti dopo aver partecipato, giovedì scorso, alle esequie del nipote.Strada provincialeL’incidente avvenuto sulla Villanova-Ostuni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400