Cerca

Brindisi, sequestro discarica ci sono sette indagati

Brindisi, sequestro discarica ci sono sette indagati
BRINDISI -  Non avrebbero compiuto tutti gli atti necessari per evitare o porre rimedio all'inquinamento da metalli della falda sottostante alla discarica di contrada Autigno, a Brindisi, impianto che ha raccolto negli anni i rifiuti solidi urbani dell'intera provincia. Per questo cinque dirigenti di Provincia, Comune e Arpa Brindisi sono indagati dalla procura di Brindisi per omissioni in atti d'ufficio. Sono indagati anche il titolare della ditta Nubile che gestisce la discarica di Autigno, Luca Screti, e il direttore della stessa azienda, Giuseppe Masillo.

L'inchiesta - che si è chiusa ieri con la notifica agli interessati del'avviso di conclusione delle indagini - è coordinata dal pm Valeria Farina Valaori, ed il 5 maggio scorso aveva portato al sequestro della discarica. Gli indagati sono Pasquale Epifani, dirigente del settore Ambiente della Provincia di Brindisi, i tre dirigenti che si sono susseguiti al vertice dell'analogo settore del Comune, Pietro Cafaro, Francesco Dileverano e Fabio Lacinio, e la responsabile del dipartimento provinciale dell'Arpa Puglia Anna Maria D'Agnano. Coinvolti anche il titolare della ditta Nubile che gestisce la discarica di Autigno, Luca Screti e il direttore della stessa azienda, Giuseppe Masillo per violazioni ambientali.

I fatti risalgono a un periodo compreso tra il 2011 e il 2014. Secondo l'accusa i funzionari "pur sapendo dell'avvenuto superamento delle concentrazioni di soglie di contaminazione delle acque di falda sottostanti la discarica, rifiutavano o omettevano le comunicazioni e gli adempimenti, così impedendo le misure di prevenzione e messa in sicurezza di emergenza, la caratterizzazione del sito e le successive procedure di stabilizzazione e bonifica". L'inchiesta è partita dalle analisi fatte nei pozzi della discarica e sulle acque di falda che hanno documentato "il superamento e la difformità dei parametri di ferro manganese e nichel"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400