Cerca

Specchiolla, 4 ragazzine ricoverate in coma etilico dopo una notte in spiaggia

Specchiolla, 4 ragazzine ricoverate in coma etilico dopo una notte in spiaggia
CAROVIGNO (BRINDISI) – La più piccola spegnerà 15 candeline a gennaio. La più grande ha 16 anni: sono quattro ragazzine che hanno concluso la 'Notte delle stellè in ospedale, in grave stato di incoscienza dovuto all’abuso di alcol. Un falò senza fuoco (vietato da un’ordinanza della Capitaneria), ma con vodka e altre bevande proibite ai minorenni quello che è stato organizzato su una spiaggia libera di Specchiolla, località marittima nel territorio di Carovigno. E' una tradizione che nel Salento si rinnova ogni anno, tra il 9 e il 10 agosto, nella notte di San Lorenzo. E che è appuntamento fisso per i più giovani, a prescindere da quale sia invece la data indicata dagli astronomi per la vera pioggia di stelle cadenti d’agosto, lo spettacolo delle Perseidi.

Naso all’insù, per scorgere le scie bianche ed esprimere un desiderio. E permesso straordinario per molti adolescenti che, per l’occasione, possono restare in riva al mare ad attendere l'alba. E’ così che è andata anche ieri: gruppi di giovanissimi in costume e qualche bottiglia di troppo. Tra questi anche quattro ragazzine di San Vito dei Normanni, per lo più liceali, che hanno esagerato fino a perdere i sensi. Ad accorgersi del loro stato di malessere, poco dopo la mezzanotte, è stato il bagnino del lido vicino al tratto di litorale 'freè ricoperto da un tappeto di teli da mare. C'era un capannello di amici che, agitati, chiedevano aiuto.

Le ambulanze hanno raggiunto Specchiolla in pochi minuti. Le ragazzine sono state soccorse e condotte all’ospedale Perrino di Brindisi dove è stato diagnosticato loro lo stato di coma etilico: una sbornia pesante, per tutte e quattro le compagne d’avventura, finita per fortuna senza gravi conseguenze. Per una di loro i medici hanno disposto il ricovero, una volta riscontrata una intossicazione da alcolici. I genitori hanno però preferito riportarle tutte a casa, già nella mattinata di oggi.

Quanto accaduto è stato segnalato dai sanitari ai carabinieri che hanno avviato accertamenti anche sulla vendita di alcolici in zona per verificare se le ragazzine abbiano acquistato personalmente le bevande o se invece l’approccio con l’alta gradazione alcolica sia stato casuale, nel clou della festa 'fai da tè sotto il cielo stellato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400