Cerca

"Papa Francesco vieni in Puglia" Dieci Comuni del Brindisino costituiscono un comitato L'iniziativa dei fedeli, l'adesione di Al Bano

"Papa Francesco vieni in Puglia" Dieci Comuni del Brindisino costituiscono un comitato L'iniziativa dei fedeli, l'adesione di Al Bano
LATIANO - «Papa Francesco vieni in Puglia, a Latiano, città del Beato Bartolo Longo». L’invito lanciato nei giorni scorsi dall’Associazione culturale «L’isola che non c’è» di Latiano è diventato adesso un progetto condiviso e sostenuto ufficialmente dai sindaci dei Comuni (Latiano, Mesagne, Francavilla Fontana, San Vito dei Normanni, San Michele Salentino, Ostuni, Fasano, Cisternino, Carovigno e dal presidente di Federalberghi, Argentieri). Tutti ieri mattina nella sala Flora di Palazzo Imperiali a Latiano hanno sottoscritto un programma di iniziative che possa portare alla realizzazione di questo progetto, fino a ieri praticamente impensabile.

E invece la stessa presenza a Latiano, di tutti i sindaci (Lello Di Bari, Coppola, Conte, Baccaro, Maiorano), e degli assessori (De Netto di Mesagne, Leporale di Ceglie, Lopalco di Francavilla, Menga di San Michele e del vice sindaco di Francavilla Fontana, Trisolino), ma soprattutto lo spessore degli interventi, in qualche caso non senza emozioni, sono stati la dimostrazione di quanto sia sentita e condivisa «la speranza delle popolazioni di poter ospitare nella nostra bellissima terra, Papa Francesco». Parole bellissime pronunciate da quasi tutti i partecipanti «che - è stato detto - non ti aspetteresti di sentire da una classe politica spesso più attratta dai problemi “terreni”».

«La nostra - è stato sottolineato - è una terra dell’accoglienza, una terra piena di valori legati ad una società contadina e al rispetto della natura; una terra che in questo questo momento viene martoriata dalla Xylella e dall’inquinamento industriale».

«Per questo - ha detto Menga - mentre tutto sembra essere contro l’uomo è necessario rinsaldare quella fede tra il popolo e il Signore che solo il Santo Padre può cementare». Da qui la proposta «di fare esprimere i singoli Comuni attraverso degli atti formali che rappresentino la volontà dell’intera comunità».

Così, nelle prossime ore tutti i Comuni predisporranno una delibera di giunta da far approvare ai rispettivi Consigli comunali.

Da qui la proposta del sindaco di Ostuni, Coppola di organizzare un Consiglio comunale plenario di tutti i Consigli comunali in un’unica assise che potrebbe tenersi nel Santuario di Cotrino così che venga manifestata con forza la volontà di avere in Puglia, a Latiano, Papa Francesco.

Nel corso dell’incontro è stata data lettura (a farlo un attore professionista di Latiano, Giancosimo Pagliara) della bozza della lettera-invito che una delegazione (della quale farà parte il maestro Al Bano Carrisi, intervenuto ieri in diretta telefonica) consegnerà nelle prossime settimane, direttamente al Santo Padre.

La lettera-invito approvata e sottoscritta dai sindaci verrà inviata al vescovo di Oria, mons. Pisanello, affinchè interceda e si faccia portavoce della volontà del suo popolo.
Dal momento della consegna della lettera al Papa - come ha spiegato mons. Angelo Altavilla, parroco della chiesa Madre, a Latiano, ma anche in altri comuni (San Vito e Mesagne) partirà in alcune chiese la recita corale e ininterrotta del Santo Rosario, per invocare il miracolo della visita e pregare perchè il Beato Bartolo Longo diventi Santo. [f.g.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400