Cerca

Schianto tra auto muore a 24 anni giovane di Carovigno

Schianto tra auto muore a 24 anni giovane di Carovigno
di Mimmo Mongelli

CAROVIGNO - Lo schianto sulla via del ritorno a casa dopo una serata trascorsa a Ostuni.

E’ di un morto e quattro feriti, uno dei quali è in prognosi riservata, il bilancio di un terribile incidente accaduto l’altra sera, alle 22 e 40, lungo la strada statale 16, tra Ostuni e Carovigno, all’altezza del chilometro 886, a un paio di chilometri da Carovigno. Nello scontro frontale tra due auto – una Suzuki Vitara e una Suzuki Swift –ha perso la vita il 24enne carovignese Toni Lanzillotti. Il giovane, che viaggiava sul sedile anteriore lato passeggero della Swift, è morto sul colpo. Per liberare il corpo esanime del giovane da quello che dopo l’impatto restava dell’utilitaria sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco. E’ ricoverato al Perrino in prognosi riservata Alex Stante, 19 anni, cittadino rumeno residente a Ostuni, che era alla guida della Vitara. Il conducente – Denis Palasciano, 25 anni, carovignese – della Swift e le due ragazze (Valentina Ugenti, 20 anni, e Carmen Elia, 22 anni, entrambe carovignesi) che viaggiavano sulla Swift sono ricoverate in osservazione al Perrino. Nessuno di loro è in pericolo di vita.

Lo scontro è stato frontale. Per cause in corso di accertamento da parte degli agenti della Polizia stradale di Brindisi, che sono intervenuti sul luogo dell’incidente insieme agli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Ostuni, le due auto sono entrate in collisione a un paio di chilometri da Carovigno. La Swift viaggiava in direzione di Carovigno – la comitiva stava rientrando nella città della nzegna dopo una serata trascorsa nella città bianca – mentre la Vitara procedeva verso Ostuni. L’impatto è stato tremendo. L’abitacolo della Swift si è ridotto ad un ammasso di lamiere taglienti. Toni Lanzilotti è morto sul colpo. Gli altri tre ragazzi che viaggiavano sull’utilitaria sono rimasti intrappolati nel groviglio metallico: i soccorritori del 118 hanno dovuto attendere l’arrivo dei pompieri, che hanno estratto dalle lamiere i feriti, per sistemare i ragazzi sulle ambulanze e partire a sirene spiegate alla volta del Perrino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400