Cerca

Carovigno, donna in ospedale con gola tagliata: in fin di vita Pm fa sequestrare il bagno

Carovigno, donna in ospedale con gola tagliata: in fin di vita Pm fa sequestrare il bagno
CAROVIGNO - Una tragedia i cui contorni sono tutti – ma proprio tutti – ancora da definire. Una donna di nazionalità rumena di 51 anni è arrivata, nel primo pomeriggio di ieri, in fin di vita al Pronto soccorso dell’ospedale di Ostuni. L’ha portata un’ambulanza del 118. La donna aveva un profondo taglio alla gola, che faceva pensare al fatto che fosse stata sgozzata, e aveva la trachea sfondata. I medici dell’ospedale della città bianca si sono subito resi conto della gravità del quadro clinico della paziente: dopo averla stabilizzata, l’hanno immediatamente fatta portare in ambulanza al Perrino di Brindisi, dove la donna è stata sottoposta a intervento chirurgico d’urgenza. Stando a quel (poco) che è stato possibile sapere, le condizioni della rumena sono gravissime: la sua vita è appesa ad un filo molto esile.

Quello che è accaduto è tutto da ricostruire. Il lavoro, che si presenta decisamente in salita, toccherà ai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Il fattaccio successo ieri, attorno a mezzogiorno, a Carovigno, in via Dante Alighieri. In quel tratto di strada risiedono diversi immigrati di nazionalità albanese e rumena. 

Per ora gli investigatori sembrano propendere per un tentativo di suicidio (pare la donna soffrisse di crisi depressive) ma il pm, Milto Stefano De Nozza, oltre al sequestro del bagno, ha disposto comunque ulteriori accertamenti delegando ai carabinieri rilievi sul posto. I militari dell’Arma hanno ascoltato il marito che a quanto emerso ha dato l’allarme e chiamato i soccorsi. La porta del bagno era chiusa a chiave dall’interno e la donna, a quanto sembra, soffriva di attacchi depressivi da qualche tempo.

Il tipo di ferita che la donna presentava al collo – avrebbero osservato i medici – sarebbe incompatibile con un gesto autolesionistico. Se, come tutto lascia pensare, non si è trattato di un tentativo di suicidio, allora ieri in via Dante Alighieri, a Carovigno, è successo qualcosa di molto grave. L’unica persona che potrebbe raccontare tutto al momento non è nelle condizioni di dire alcunché: la 51enne rumena si trova ricoverata in condizioni disperate nel reparto di Rianimazione dell’ospedale del capoluogo. Prima che i detective dell’Arma possano interrogarla ci vorrà un bel po’ di tempo, sempre annesso che sopravviva. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400