Cerca

Appalti truccati Asl Br chiesto il processo per 51 persone

Appalti truccati Asl Br chiesto il processo per 51 persone
BRINDISI – La procura di Brindisi ha chiesto il rinvio a giudizio per 51 persone coinvolte in una inchiesta sulla Asl di Brindisi e su presunti appalti pilotati che hanno coinvolto anche società come Manutencoop Facility Management e Artsana. Tra gli imputati Claudio Levorato, amministratore della coop, insieme a dirigenti e manager della stessa.

Manutencoop è finita sotto inchiesta per una gara – secondo l'accusa pilotata – per l’efficientamento energetico dell’ospedale Perrino di Brindisi, per la quale erano stati previsti 10 milioni di euro, finanziamento andato perduto. Ai responsabili di Artsana viene invece contestata la frode in pubblica fornitura relativa al servizio di consegna a domicilio di pannoloni per incontinenti. Dalle indagini è risultato che dal 2004 al 2010 sarebbe stato assegnato agli aventi diritto un prodotto di qualità inferiore.

I pm inquirenti, Nicolangelo Ghizzardi e Giuseppe De Nozza, hanno chiesto il processo anche per coloro che erano al vertice della Asl di Brindisi e per il capogruppo del Pd al Consiglio comunale, Salvatore Brigante. I reati contestati a vario titolo sono associazione per delinquere, turbativa d’asta, utilizzazione di segreti d’ufficio, falso e peculato. L’udienza preliminare è fissata per il 16 luglio prossimo dinanzi al gup Stefania De Angelis.

Nell’ambito dell’operazione, chiamata Virus-Mercadet, condotta dai carabinieri del Nas di Taranto e della Guardia di finanza di Brindisi, furono eseguiti 22 arresti il 12 novembre 2013. Fu un terremoto che travolse anche numerosi esponenti politici finiti tra i 133 indagati, per molti dei quali i reati sono stati già dichiarati prescritti e si è proceduto all’archiviazione.

Tra coloro che dovranno comparire dinanzi al gup vi sono l’ex direttore generale della Asl di Brindisi, Rodolfo Rollo, l’ex direttore amministrativo Alfredo Rampino, l’attuale direttore sanitario dell’ospedale Perrino di Brindisi, Antonio Piro, l’ex assessore comunale di Brindisi Cosimo Elmo, che è anche un dipendente Asl del settore Area tecnica, l’urologo Salvatore Brigante e il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale. Quest’ultimo è accusato di peculato per essersi recato, con altre due persone, il 21 luglio 2007 a un congresso dei Ds a Roma con l’auto della Asl di Brindisi.
Altre 13 persone, tra quelle che nel 2013 furono arrestate, sono già a processo con rito immediato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400