Cerca

Morto a Francavilla in attentato negozio abbreviato per imputato

BRINDISI – Sarà giudicato con rito abbreviato, condizionato all’ascolto di alcuni testimoni, il 28enne Saverio Candita, imputato di incendio doloso e morte come conseguenza di altro delitto, che rimase coinvolto e ferito nell’esplosione di un negozio (foto) di abbigliamento e calzature al piano terra di un palazzo a Francavilla Fontana (Brindisi) il 30 settembre scorso
Morto a Francavilla in attentato negozio abbreviato per imputato
BRINDISI – Sarà giudicato con rito abbreviato, condizionato all’ascolto di alcuni testimoni, il 28enne Saverio Candita, imputato di incendio doloso e morte come conseguenza di altro delitto, che rimase coinvolto e ferito nell’esplosione di un negozio di abbigliamento e calzature al piano terra di un palazzo a Francavilla Fontana (Brindisi) il 30 settembre scorso.

In quella circostanza rimase ucciso Antonio Rizzo, marito della titolare dell’esercizio commerciale che, per quanto accertato dagli investigatori, si trovava sul posto insieme a Candita per appiccare l’incendio che generò la deflagrazione. All’udienza preliminare si sono costituite parti civili 18 persone, ovvero quasi tutti gli inquilini del palazzo i cui appartamenti avrebbero subito danni dall’esplosione, oltre ai parenti della vittima. Per l’imputato, che venne arrestato in casa dai carabinieri e che aveva subito ferite da ustioni, il pm della Procura di Brindisi Antonio Costantini aveva chiesto il giudizio immediato, stralciando la sua posizione dall’inchiesta ancora in corso, avviata per accertare eventuali altre responsabilità, oltre che le ragioni del rogo. A decidere sulla richiesta di rito abbreviato formulata dall’avvocato Michele Fino e sulle costituzioni di parte civile è stato il gup Tea Verderosa, che ha aggiornato il processo al 14 aprile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400