Cerca

Assenteismo: pm chiede condanna 34 dipendenti dell'Asl di Brindisi

BRINDISI – Il pm di Brindisi Milto Stefano De Nozza ha chiesto la condanna di 34 imputati a pene comprese tra i 10 mesi e un anno e mezzo di reclusione e l’assoluzione di altri 14 imputati a conclusione di un processo per truffa aggravata ai danni dello Stato e per ipotesi di falso contestati a dipendenti della Asl che si sarebbero sistematicamente assentati dal luogo di lavoro provocando come conseguenza un danno all’azienda e l’allungamento dei tempi d’attesa per le visite ambulatoriali.
Assenteismo: pm chiede condanna 34 dipendenti dell'Asl di Brindisi
BRINDISI – Il pm di Brindisi Milto Stefano De Nozza ha chiesto la condanna di 34 imputati a pene comprese tra i 10 mesi e un anno e mezzo di reclusione e l’assoluzione di altri 14 imputati a conclusione di un processo per truffa aggravata ai danni dello Stato e per ipotesi di falso contestati a dipendenti della Asl che si sarebbero sistematicamente assentati dal luogo di lavoro provocando come conseguenza un danno all’azienda e l’allungamento dei tempi d’attesa per le visite ambulatoriali.

Si tratta di medici, infermieri, personale ausiliario, in servizio presso la sede dell’azienda sanitaria di via Dalmazia, a Brindisi, in cui oltre al Cup vi sono anche ambulatori, che avrebbero timbrato il cartellino per poi andare via per periodi di tempo variabili o avrebbero fatto timbrare l’ingresso a colleghi. Il tutto, secondo quanto attestato dall’accusa, al fine di recarsi a fare la spesa, per andare ad accompagnare i figli a scuola o per svolgere altre commissioni.

In tutto sono 49 gli imputati, uno dei quali è deceduto. Le indagini, nell’ambito delle quali furono posizionate telecamere all’intero degli uffici Asl, risalgono al 2009 e al 2010 e furono condotte dai carabinieri del Nas di Taranto. Nel novembre 2010, 26 fra le persone coinvolte furono destinatarie di ordinanze di custodia cautelare in carcere o misure interdittive.

Prima della requisitoria del pm, oggi durante l’udienza che si è celebrata al Tribunale di Brindisi dinanzi al giudice monocratico Giuseppe Biondi, alcuni imputati hanno reso dichiarazioni spontanee giustificando la propria assenza del servizio con uno stato di necessità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400