Cerca

Un corpo carbonizzato nel Norman Atlantic

BARI – Un cadavere carbonizzato è stato scoperto nel traghetto Norman Atlantic naufragato con un incendio a bordo il 28 dicembre scorso. Il corpo era nella cabina di un tir sul ponte 4. Il pm della procura di Bari, Ettore Cardinali, è entrato nel relitto, ormeggiato a Brindisi, dopo una segnalazione dei vigili del fuoco. Il corpo è stato poi recuperato e portato a Bari
ARCHIVIO - Il relitto del Norman da Brindisi a Bari. Indagato un pompiere «Passò video a stampa» ARCHIVIO - Traghetto: estratte memorie digitali delle scatole nere ARCHIVIO - «Norman Atlantic», i numeri: 18 i dispersi nove i morti accertati
Un corpo carbonizzato nel Norman Atlantic
BARI – E' salita a 10 la triste conta delle vittime accertate del naufragio del traghetto Norman Atlantic. Oggi i vigili del fuoco, durante un’ispezione a bordo, hanno infatti individuato un corpo carbonizzato rinchiuso nella cabina di un tir sul ponte 4 della nave che finì alla deriva per un incendio sviluppatosi il 28 dicembre scorso al largo dell’ Albania.

La vittima, la prima trovata a bordo del traghetto, si aggiunge alle nove i cui corpi sono stati recuperati in mare nei giorni successivi al naufragio e che sono morti per assideramento e annegamento. Sarà l’autopsia, che verrà eseguita a Bari dove il corpo è già stato portato, a stabilire se a causare la morte della decima vittima siamo state le fiamme o l'avvelenamento per i fumi sprigionati dal rogo. E’ presumibile che si tratti di un autotrasportatore che stava passando la notte nel suo tir durante la traversata dalla Grecia all’Italia. L'incendio sulla nave, che è stato spento definitivamente solo due settimane dopo il naufragio, ha portato per giorni a livelli altissimi le temperature interne.

Dopo la scoperta del corpo, i pm della procura di Bari Ettore Cardinali che indaga sul naufragio, si è recato sulla nave che è ormeggiata nel porto di Brindisi, e ha disposto il trasferimento della salma nell’istituto di medicina legale dell’università di Bari, dove, prima di procedere all’autopsia, si tenterà l'identificazione. Ad occuparsene saranno i medici legali nominati dalla Procura Francesco Introna e Biagio Solarino, che hanno partecipato oggi all’ispezione sul relitto insieme con il pm Cardinali, con personale della Capitaneria di Porto di Bari e il Sis dei Carabinieri.

Rispetto all’elenco dei passeggeri del traghetto, la procura ritiene che siano ancora 18 i dispersi. Gli inquirentinon escludono che ci siano a bordo altri corpi di persone rimaste intrappolate in uno dei ponti-garage. Il timore è che siano stati colti dalle fiamme non solo autotrasportatori che passavano la notte nei loro mezzi, ma anche clandestini saliti di nascosto a bordo degli automezzi imbarcati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400