Cerca

Adescava ragazzini su Facebook: manette a un 32enne di Fasano

FASANO - Adescava ragazzini su Facebook e gli faceva proposte indecenti offrendogli in cambio somme di denaro.A.B., 32 anni, fasanese da anni trapiantato a Cisternino, alle spalle qualche problema con la giustizia, è stato arrestato l’altro ieri dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Fasano per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e adescamento di minore
Adescava ragazzini su Facebook: manette a un 32enne di Fasano
FASANO - Adescava ragazzini su Facebook e gli faceva proposte indecenti offrendogli in cambio somme di denaro.A.B., 32 anni, fasanese da anni trapiantato a Cisternino, alle spalle qualche problema con la giustizia, è stato arrestato l’altro ieri dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Fasano per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e adescamento di minore.

Informati, dalla madre del ragazzo, del fatto che il 32enne aveva dato appuntamento per il primo pomeriggio ad un ragazzino che aveva “incontrato” sul social network più usato al mondo, i carabinieri si sono presentati all’appuntamento. L’incontro era fissato nei pressi di una stazione di rifornimento carburanti ubicata in via Roma, all’ingresso della città arrivando da Pezze di Greco. Prima che il 32enne avesse la possibilità di far salire a bordo della sua auto il ragazzo i militi sono usciti allo scoperto. Vedendo i carabinieri, il giovane ha ingranato la marcia della Lancia Ypsilon – macchina presa in prestito da un amico – con cui era arrivato a Fasano e ha tentato di investire il maresciallo dei carabinieri che gli intimava l’alt.

Il sottufficiale è riuscito, con grande abilità, ad evitare l’impatto e con il collega si è lanciato all’inseguimento della Ypsilon. I carabinieri, che erano a bordo di un’auto civetta, hanno raggiunto e bloccato il fuggitivo in contrada Salamina, sulla strada che collega Fasano a Cisternino. Il 32enne è stato prima portato in caserma e in serata, su su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica Luca Buccheri, che in quel momento era di turno in Procura a Brindisi, trasferito nella casa circondariale di via Appia.

L’indagine sugli adescamenti di minori compiuti dal 32enne fasanese è ancora tutta da sviluppare. I ragazzini che l’insospettabile 32enne tentava di adescare, promettendo lauti compensi per prestazioni sessuali, erano per lo più fasanesi. Il terreno di incontro tra il 32enne, che in rete non faceva mistero delle sue tendenze omosessuali, e le sue potenziali vittime era Facebook, il sociale network più usato al mondo. Puntate le prede, l’orco passava subito all’attacco frontale.

I giri di parole non erano certo il forte del giovane fasanese: con i ragazzini che “incontrava” su Facebook andava subito al nocciolo della questione e metteva in chiaro le condizioni di “ingaggio”. Il 32enne aveva messo a punto una sorta di tariffario: ogni prestazione sessuale aveva una sua tariffa. I detective del nucleo operativo della compagnia fasanese dell’Arma hanno già acquisito una serie di conversazioni, avvenute sulle chat dei social forum, tra il cameriere e utenti che con ogni probabilità sono minorenni. Si tratta di conversazioni che hanno un unico filo conduttore: il sesso. Non solo. I carabinieri hanno anche acquisito una serie di foto di inequivocabile contenuto che “viaggiavano” in rete tra il 32enne che è stato arrestato e ragazzini fasanesi. Adesso, partendo da quelle conversazioni e da quelle foto, dovranno cercare di riannodare i fili di questa turpe vicenda.

Mimmo Mongelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400