Cerca

Agricoltore ucciso da un Frecciargento Stop per ore ai treni

BRINDISI – Tragedia ieri mattina, verso mezzogiorno e mezzo lungo la linea ferroviaria Bari-Brindisi-Lecce, dove un convoglio Frecciargento ha travolto l’81enne, Giulio Tanzarella che era salito sulla massicciata dei binari per guadagnare un cumulo di terreno più alto di circa 3 metri, al fine di avere una vista migliore della sua piantagione di ulivi che era infestata dagli storni. L’incidente ferroviario si è verificato in contrada Petardi, a circa 1 km dallo scalo ferroviario della “Città bianca”
Agricoltore ucciso da un Frecciargento Stop per ore ai treni
OSTUNI - Tragedia ieri mattina, verso mezzogiorno e mezzo lungo la linea ferroviaria Bari-Brindisi-Lecce, dove un convoglio Frecciargento ha travolto l’81enne, Giulio Tanzarella che era salito sulla massicciata dei binari per guadagnare un cumulo di terreno più alto di circa 3 metri, al fine di avere una vista migliore della sua piantagione di ulivi che era infestata dagli storni.

L’incidente ferroviario si è verificato in contrada Petardi, a circa 1 km dallo scalo ferroviario della “Città bianca” (all’altezza del km 720 sulla vecchia strada, ora cieca per la chiusura di un passaggio a livello sulla poderale Ostuni-Rosa Marina) dove la vittima possedeva e conduceva un oliveto con diverse piante secolari.

Da quanto hanno appurato gli agenti del Commissariato di Ostuni intervenuti sul posto su segnalazione del macchinista del treno e, subito dopo, raggiunti da quelli della Polfer di Brindisi che condurranno le indagini e si occuperanno della dinamica dell’incidente, il Frecciargento a tutta velocità ha imboccato l’ampia curva e non ha potuto evitare di investire l’anziano che era sulla massicciata. Malgrado il tempestivo azionamento dei freni d’emergenza da parte del macchinista, la motrice ha urtato violentemente di striscio il corpo dell’uomo mutilandolo di un braccio e scaraventandolo a decine di metri dal punto d’impatto.

Il macchinista ha dato l’allarme e ha richiesto l’intervento degli operatori del 118, che giunti sul posto non hanno potuto fare molto. Il convoglio diretto a Roma si è fermato diverse decine di metri distanti dal luogo dov’è avvenuta la tragedia, sulla direttrice Brindisi-Bari. La linea è rimasta interrotta per diverse ore mentre Trenitalia ha attivato dei bus sostitutivi, in attesa che la circolazione su strada ferrata venisse ripristinata regolarmente al termine di tutti i rilievi di rito da parte degli agenti della Polizia scientifica della Questura di Brindisi e degli interrogatori condotti dalla Polizia ferroviaria.

La vittima, Giulio Tanzarella, 81 anni di Ostuni era molto conosciuto e stimato e ieri mattina, sempre a bordo del suo Fiat 600 furgonato, aveva salutato la moglie e si era recato nella sua campagna per verificare lo stato delle olive in quanto, nei giorni seguenti, vi sarebbero stati gli operai impegnati nella raccolta delle stesse da cui ricavava dell’ottimo olio. Il cruccio dell’uomo erano gli storni che divoravano tutte le olive dalla parte superiore dei suoi ulivi secolari e Tanzarella cercava in tutti i modi di trovare il modo per allontanarli per salvare il raccolto.

Ecco perché era salito sulla collinetta adiacente la massicciata della linea ferroviaria, più alta, in quel punto, di circa due metri e mezzo, per vedere meglio da una posizione più consona la situazione ed avere una visione completa. Forse era un’abitudine, quella, ma il destino questa volta ha voluto che in quell’ora sulla linea ferrata sfrecciasse a forte velocità il Frecciargento e la tragedia si è consumata in un attimo. La moglie non vedendolo rincasare, si è recata in campagna e ha trovato l’automezzo del marito ma non lui e ha iniziato a girare per l’uliveto. Notando trambusto sulla linea ferroviaria, si è avvicinata e ha chiesto notizie e poi, ha appreso la triste verità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400