Cerca

Ladri fanno razzia in macelleria Il titolare: basta chiudo

di ANTONIO PORTOLANO
BRINDISI - «Sono esasperato, dopo Natale chiudo». È l’amaro sfogo di Alessandro Stefano 32 anni, macellaio brindisino. Da poco più di un mese ha rilevato una storica macelleria del centro in via Santa Barbara. Nell’arco di poche settimane ha subito una rapina, un tentativo di furto e un furto riuscito. Qualcuno la notte tra venerdì e ieri ha ripulito il negozio di tutta la carne (nella foto la macelleria e la freccia indica il punto dello scasso)
Ladri fanno razzia in macelleria Il titolare: basta chiudo
di ANTONIO PORTOLANO

BRINDISI - «Sono esasperato, dopo Natale chiudo». È l’amaro sfogo di Alessandro Stefano 32 anni, macellaio brindisino. Da poco più di un mese ha rilevato una storica macelleria del centro in via Santa Barbara. Nell’arco di poche settimane ha subito una rapina, un tentativo di furto e un furto riuscito. Qualcuno la notte tra venerdì e ieri ha ripulito il negozio di tutta la carne che si trovava in macelleria. Il danno complessivo ammonta ad oltre 900 euro. A cui si aggiungono i 50 euro lasciati come fondo cassa nel registratore, gli infissi scardinati, la saracinesca tagliata e la vetrina sfondata. Chi ha agito nel cuore della notte lo ha fatto indisturbato dal lato che si trova lungo via San Giovanni al Sepolcro.

Il giovane commerciante è disperato, non ha più lacrime per piangere e sta perdendo la voglia di andare avanti dopo aver visto in un mese di tutto e di più. Solo 10 giorni prima c’era stato un altro tentativo di furto. Il 24 novembre scorso invece si era consumata una rapina giusto ad un mese esatto dall’inaugurazione dell’at t iv i t à aperta il 24 ottobre scorso. Alessandro Stefano lavora in macelleria da quando aveva 14 anni e finalmente era riuscito ad aprire un’attivita tutta sua.

Ieri mattina all’atto dell’apertura dei battenti l’ennesima doccia fredda e la sofferta intenzione di mollare. A tentare di dissuaderlo da questa decisione sono gli stessi commercianti di via Santa Barbara che hanno avviato una raccolta di firme su impulso del coordinatore cittadino di Fratelli D’Italia Roberto Quarta. «Una raccolta firme da consegnare al prefetto Nicola Prete per chiedere di intervenire con fermezza e di installare alcune telecamere lungo via Santa Barbara. Abbiamo visto come in molti casi - dice Quarta - la presenza delle telecamere oltre ad essere un efficace deterrente e riesce a dare una forte mano all'attività investigativa fino alla soluzione di tanti delitti (vedi il caso Consales)».

Oltre le richieste però, parte da subito un moto di solidarietà serio nei confronti del giovane commerciante danneggiato dall’ennesimo furto: «Un invito lo voglio fare ad Alessandro - prosegue Roberto Quarta -, non mollare non arrenderti, quel tuo piccolo sogno di avviare una propria attività non deve essere spento da questi squallidi episodi. Sii forte e vai avanti noi del vicinato siamo tutti con te!».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400