Cerca

Brindisi, processo al sindaco l'ex vice sarà parte vicile

BRINDISI – E' cominciato stamani il processo a carico del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales (Pd) e ad altre tre persone, a vario titolo imputati per truffa, abuso d’ufficio e concussione. Le accuse riguardano due vicende. L’affidamento da parte del Comune del servizio di rassegna stampa e call center alla News Sas, società che secondo l’accusa, nonostante una cessione societaria, era ancora riconducibile al primo cittadino che ne era stato amministratore fino a poco prima dell’elezione, nella primavera del 2012. L’altra questione riguarda un debito da circa 315 mila euro con Equitalia di Consales (foto)
Brindisi, processo al sindaco l'ex vice sarà parte vicile
BRINDISI – E' cominciato stamani il processo a carico del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales (Pd) e ad altre tre persone, a vario titolo imputati per truffa, abuso d’ufficio e concussione.

Le accuse riguardano due vicende. L’affidamento da parte del Comune del servizio di rassegna stampa e call center alla News Sas, società che secondo l’accusa, nonostante una cessione societaria, era ancora riconducibile al primo cittadino che ne era stato amministratore fino a poco prima dell’elezione, nella primavera del 2012. L’altra questione riguarda un debito da circa 315 mila euro con Equitalia di Consales: i dipendenti dell’ente di riscossione, secondo l’accusa sostenuta dai pm Giuseppe De Nozza e Savina Toscani, sarebbero stati costretti ad accettare in contanti il pagamento a rate della somma. L’ex direttore dell’agenzia di Brindisi di Equitalia, Giuseppe Puzzovio, che pure è imputato per abuso d’ufficio e concussione in concorso con il sindaco, avrebbe messo a disposizione di Consales il proprio conto corrente per l’emissione di un assegno circolare di 4.500 necessario al pagamento di una delle rate pattuite. Le altre due persone a processo sono Alessio Vincitorio e Sabino Porro, entrambi con un ruolo nella società.

Unica parte civile costituitasi nel processo è l’ex vicesindaco del 2012, Paola Baldassarre, che sollevò la questione dell’incompatibilità di Consales per quel che riguardava la società di comunicazione News, dando di fatto impulso alle indagini della procura, delegate alla Digos di Brindisi. Prossima udienza il 6 febbraio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400