Cerca

Latiano, il palazzetto fantasma diventato ormai una discarica Blit dei CC nell'area incustodita «Rinvenute lastre di amianto»

LATIANO - Una decina di anni fa era un pallone tensionstatico, poi, distrutto dall'incuria e dalle fiamme, è diventato un cantiere che avrebbe dovuto ospitare un nuovo palazzetto dello sport per il quale è stato persino realizzato un progetto (immaginiamo costato qualche migliaia di euro alla comunità). Oggi in attesa che il sogno dei giovani latianesi si avveri quel rudere è diventata una discarica. All'interno dell'area (come si vede nella foto) ora si trova un enorme cassone adagiato sul terreno, tutto intorno una montagna di detriti provenienti probabilmente da qualche cantiere edile. La dimostrazione reale che quella costruzione abbandonata simbolo di ogni promessa elettorale - forse - non diventerà mai un palazzetto dello sport: «meglio allora che diventi una discarica», ha pensato qualcuno sul palazzo. Peccato che si trovi a ridosso di un parco giochi frequentato dai bambini
Latiano, il palazzetto fantasma diventato ormai una discarica Blit dei CC nell'area incustodita «Rinvenute lastre di amianto»
LATIANO - Una decina di anni fa era uno «sgangherato» pallone tensostatico. Poi, distrutto (nel 2008) dall'incuria e dalle fiamme, è diventato (nel 2010) un cantiere che avrebbe dovuto ospitare un nuovo palazzetto dello sport per il quale è stato persino realizzato un progetto (ormai già vecchio).

Oggi, in attesa che il sogno dei giovani latianesi si avveri, quel «rudere» di cemento è diventato una discarica. All'interno dell'area, persino di facile accesso (come si vede nella foto), ora si trova un enorme cassone adagiato sul terreno e tutto intorno una montagna di rifiuti e detriti di ogni genere.

Non sappiamo chi sia l'«autore» di quello scempio, né immaginiamo chi possa avere autorizzato quella discarica nel centro del paese a pochi passi da un parco giochi.

Al di là delle responsabilità, l'immagine di quel luogo rappresenta la risposta reale alle aspettative mancate del paese, forse l'unico centro della regione a non possedere una struttura sportiva degna di questo nome.

Il palazzetto dello sport «fantasma» (costato già 450mila euro; per ultimarlo servirebbe un altro 1 milione e 400 mila euro), insieme al Piano Urbanistico generale (Pug) al «Centro per anziani» Caterina Scazzeri (sul quale si sono consumati fiumi di inchiostri e denunce alla magistratura), alla cementificazione dell’area della ex biblioteca, rappresentano le grandi questioni nei dibattiti di ogni campagna elettorale.

Il sogno di un palazzetto puntualmente però rimane nei cassetti delle amministrazioni che si susseguono per mancanza di finanziamenti. Così Latiano (che può invece permettersi consulenti da decine e decine di migliaia di euro l’anno) è l’unico centro forse della Puglia a non possedere una struttura sportiva pubblica. Nella attesa abbiamo però un nuovo progetto (risultato poi inidoneo rispetto alle nuove norme) che resta da anni sulla carta. E il cantiere, ormai una discarica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400