Cerca

Libri, gusti, storie c’è «In_Chiostri»

BRINDISI - Libri, gusti, storie. In queste tre parole è racchiuso il senso di “In_Chiostri”, che andrà in scena da oggi al 5 settembre nei vicoli e nei più bei palazzi del centro storico di Brindisi. Un percorso dalla scalinata Virgiliana a Porta Mesagne per far vivere testi, parole, narrazioni e gusti: muovere i sensi, rileggere parole che hanno descritto, nei secoli, la città e il territorio
Libri, gusti, storie c’è «In_Chiostri»
BRINDISI - Libri, gusti, storie. In queste tre parole è racchiuso il senso di “In_Chiostri”, che andrà in scena da oggi al 5 settembre nei vicoli e nei più bei palazzi del centro storico di Brindisi. Un percorso dalla scalinata Virgiliana a Porta Mesagne per far vivere testi, parole, narrazioni e gusti: muovere i sensi, rileggere parole che hanno descritto, nei secoli, la città e il territorio, ascoltare la voce del mare e dei poeti con recital e letture collettive. Una città trasformata, dove incontrare ed ascoltare gli autori e i loro libri, porre domande e conoscerli meglio, nei chiostri e nelle strade. All’iniziativa ha aderito il Club Unesco di Brindisi che ha sempre coltivato, tra le sue prerogative, il rapporto privilegiato e simbiotico tra la città di e il suo mare e, per viverlo appieno, ha organizzato dal pomeriggio alla notte dei giorni 3, 4, 5 settembre, in sinergia con il Museo Archeologico Provinciale “F. Ribezzo e con l’Università del Salento, “Brindisi e il Mare. Narrazione a più voci su mari, porti, speranze, approdi e addii”. Sempre nell’ambito di “In_Chiostri”, avrà luogo la presentazione della “Rivista Zero”, il cui direttore responsabile è il dott. Angelo Campana.

«La rivista - spiega - costituirà la “voce” per analizzare e comprendere le trasformazioni e le innovazioni della rete dei servizi alla persona (sociali, sanitari, educativi-formativi, culturali, ecc…) nel quadro dinamico delle politiche sociali a livello nazionale, regionale e locale. Si porrà come obiettivo principale l’os - servazione dei nuovi equilibri fra istituzioni e cittadini, universalismo e selettività, pubblico e privato, garanzie e libera scelta verso i quali tende il sistema del welfare nel nuovo assetto delle autonomie locali. La rivista sarà un importante strumento testimone critico e interlocutore attivo delle politiche e degli sviluppi dei servizi sociali e sanitari, a livello tanto istituzionale e legislativo quanto delle singole esperienze, presentate e valorizzate per stimolare la comunicazione, il confronto, l’innovazione».

L'inaugurazione è prevista per le 18.30 di oggi in piazza Vittoria con “Largo ad Arcimboldo”, l'uomo fatto di libri che in questi giorni è stato condotto in giro per la città ad annunciare l'arrivo di “In_Chiostri”. Si aprono le danze con un “quadro vivente ” a spasso tra vie e chiostri con rugbisti, atleti Fidal, Meridiani Perduti a Banda in movimento. Tra gli ospiti della prima giornata spiccano Guidalberto Bormolini, priore della Comunità dei Ricostruttori, per la presentazione del suo “I santi e gli animali. L'Eden ritrovato” (Chiostro di San Benedetto alle 19.45); il finalista al premio Strega Francesco Pecoraro con “La vita in tempo di pace”(Case comunali di via Marconi alle 19.00); Piero Dorfless con “I cento libri che rendono più ricca la nostra vita” e Raffaele Nigro con “Il custode del museo delle cere” (Archivio di Stato alle 20); Giuseppe Piccioli Resta con la proiezione dialogata e mostra fotografica “La tutela dei beni sommersi, patrimonio dell'umanità” (Museo “Ribezzo” alle 19).

Spazio anche alla musica, con l'esibizione itinerante alla chitarra classica Marco De Lucia. Tra le performance previste per la giornata inaugurale, quella col Silenzio di Marcantonio Gallo e il Bisbiglio delle installazioni sonore di Giuseppe Caprioli nel Chiostro di San Benedetto (alle 19 e alle 20.30); lo Studio su Frida di Sara Bevilacqua nel Chiostro delle Scuole Pie (alle 19.30, alle 20.15 e alle 21); i Paladini di Francia dei Cantieri Teatrali Koreja all’Archivio di Stato (alle 21). Ma “In_Chiostri” è anche trasformazione urbana. E allora spazio alle “Vele veleggianti” nel porto, la “Riffa” con tanti premi, la Biblioteca di In_Chiostri con Augusto e le damigelle, la street art, l'albero “Litterae volant”, lettere dagli alfabeti del mondo in piazza Duomo, una lunga citazione di Hermann Broch sulla Scalinata Virgilio, tante epigrafi già installate su tutto il percorso ed infine i “F rigolibri” per il “LiberaLibri”, l'iniziativa di book crossing che darà a tutti la possibilità di scoprire nuove letture nei vicoli del centro storico di Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400