Cerca

Furti con esplosivo a Bancomat: cinque condanne a Brindisi

BRINDISI – Il gup del Tribunale di Brindisi Valerio Fracassi ha condannato cinque persone per aver fatto esplodere con il gas diversi sportelli bancomat in provincia di Brindisi per incassare il contenuto in denaro. In particolare il gup ha condannato Pietro Leone, 40 anni, di Villa Castelli, a 6 anni e 2 mesi di reclusione; Cosimo De Rinaldis, 30...
Furti con esplosivo a Bancomat: cinque condanne a Brindisi
BRINDISI – Il gup del Tribunale di Brindisi Valerio Fracassi ha condannato cinque persone per aver fatto esplodere con il gas diversi sportelli bancomat in provincia di Brindisi per incassare il contenuto in denaro. In particolare il gup ha condannato Pietro Leone, 40 anni, di Villa Castelli, a 6 anni e 2 mesi di reclusione; Cosimo De Rinaldis, 30 anni, di Ceglie Messapica e Gianluca Giosa, 35 anni di Brindisi a 5 anni e 8 mesi, Francesco Barnaba, 38 anni e Oronzo D’Urso, 34 anni, di Ceglie Messapica a 5 anni. Il pm Marco D’Agostino, durante il processo con rito abbreviato, aveva invocato pene comprese tra i 6 e gli 8 anni.

I cinque furono arrestati la prima volta in flagranza l’8 agosto 2013 a Monteiasi (Taranto), prima di mettere a segno un furto con esplosione e per questo sono già stati giudicati dal Tribunale di Taranto. Poi l’11 dicembre su richiesta della procura di Brindisi furono eseguite cinque ordinanze di custodia cautelare per altri quattro episodi compiuti nel brindisino. In tutto erano più di 20 gli assalti compiuti tra aprile e agosto dello scorso anno in Puglia, con le medesime modalità, ma non tutti attribuiti alla banda. Le indagini sono state condotte dai carabinieri: al gruppo sono state contestate le accuse di associazione per delinquere, ricettazione e riciclaggio, furto consumato e tentato aggravato, detenzione illegale di materiale esplodente aggravato e di armi comuni da sparo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400