Cerca

Uomo trovato morto al porto di Brindisi morto per annegamento

BRINDISI – E' morto per annegamento l’uomo, della presunta età di 65 anni circa ma non ancora identificato, trovato cadavere la sera del 2 luglio scorso nel porto interno di Brindisi. Nel tardo pomeriggio di oggi il medico legale Antonio Carusi ha eseguito l’autopsia: non sono stati riscontrati segni di violenza, nè evidenze che porterebbero a pensare ad un malore. Solo acqua nei polmoni, in un quantitativo tale da lasciar supporre che l’uomo sia rimasto in acqua per circa tre ore
Uomo trovato morto al porto di Brindisi morto per annegamento
BRINDISI – E' morto per annegamento l’uomo, della presunta età di 65 anni circa ma non ancora identificato, trovato cadavere la sera del 2 luglio scorso nel porto interno di Brindisi, vicino alla banchina centrale che costeggia il lungomare Regina Margherita. Nel tardo pomeriggio di oggi, su delega del pm di turno Milto Stefano De Nozza, il medico legale Antonio Carusi ha eseguito l’autopsia: non sono stati riscontrati segni di violenza, nè evidenze che porterebbero a pensare ad un malore. Solo acqua nei polmoni, in un quantitativo tale da lasciar supporre che l’uomo sia rimasto in acqua per circa tre ore, il che renderebbe poco probabile l’ipotesi che sia caduto in mare lontano dal porto di Brindisi.

L'uomo non è stato cercato da nessuno fino a oggi, nonostante le numerose segnalazioni, ma proseguono le ricerche dei militari della Capitaneria di porto, al comando del capitano di vascello Mario Valente, che ha passato al setaccio tutte le segnalazioni di scomparsa consultabili, non risultate però al momento compatibili con la descrizione della persona sconosciuta. Un altro elemento di novità emerso dall’autopsia è che le etichette degli abiti sono tutte in italiano, a supporto della tesi che il l'uomo fosse della zona. La vittima era vestita con jeans blu arrotolati fino al ginocchio, mocassini e una 'polò azzurra. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400