Cerca

Infrastrutture, M5s «Rimuovere Incalza» ministro Lupi lo salva Chi è il brindisino Incalza

ROMA – Ercole Incalza, brindisino di Francavilla Fontana, a capo della struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, è stato oggetto di un’interrogazione dei deputati del M5S durante il question time oggi alla Camera, chiedendo al ministro Maurizio Lupi la revoca dell’incarico al dirigente, «il cui nome è apparso nelle intercettazioni delle inchieste sul Mose, Expo, indagato dalla procura di Firenze per la Tav» ha detto il pentastellato Michele Dell’Orco
Infrastrutture, M5s «Rimuovere Incalza» ministro Lupi lo salva Chi è il brindisino Incalza
ROMA – Ercole Incalza, a capo della struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, è stato oggetto di un’interrogazione dei deputati del M5S durante il question time oggi alla Camera, chiedendo al ministro Maurizio Lupi la revoca dell’incarico al dirigente, «il cui nome è apparso nelle intercettazioni delle inchieste sul Mose, Expo, indagato dalla procura di Firenze per la Tav» ha detto il pentastellato Michele Dell’Orco. 

«Incalza – ha risposto Lupi – ha ricoperto importanti incarichi da molti anni presso il ministero per le sue competenze, in ragione della delicatezza delle funzioni è stato oggetto di numerose e doverose verifiche del suo operato, gli organi giuridici mai hanno rilevato elementi di reato nè di  irregolarità amministrativa».

Riguardo alla Procura di Firenze, «è stato effettivamente indagato per questo procedimento ma non è mai stato interrogato ne è stata avanzata richiesta di rinvio a giudizio» ha affermato Lupi aggiungendo che riguardo a una vicenda avente per oggetto l’acquisto di un’abitazione per la figlia a Roma Lupi, Incalza «non è mai stato indagato nè chiamato dagli organi giudiziari».  

«Dal punto di vista dell’opportunità politica la permanenza di Incalza in tale ruolo è gravissima – ha replicato a sua volta il pentastellato Alessandro Di Battista – è intollerabile che abbia a che fare con i nostri soldi in un momento drammatico come questo, mentre la corruzione costa al Paese 70 miliardi l'anno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400