Domenica 22 Luglio 2018 | 06:41

Arrestato un 28enne

Rapinatore brindisino evade
per amore: finisce in cella

Il giovane era fuggito da una comunità Arcobaleno di Lecce: i carabinieri l'hanno preso a casa della sua amorosa

Rapinatore brindisino evadeper amore: finisce in cella

Controlli del Cc a Brindisi

Il giudice lo aveva messo agli arresti domiciliari nella comunità “Arcobaleno” di Lecce e lui è evaso per tornare a Brindisi. Domenico Di Santantonio, brindisino di 28 anni, è stato rintracciato dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Brindisi a casa della convivente. Il 28enne è stato arrestato e condotto nel carcere di Brindisi.
Quando sono arrivati a casa della convivente di Di Santantonio i carabinieri hanno circondato l’abitazione e suonato al campanello senza ricevere alcuna risposta. «In quel frangente – spiegano gli stessi carabinieri – il personale appostato sul lato posteriore dell’abitazione ha udito alzarsi la tapparella della camera da letto dell’appartamento posto al piano rialzato e attraverso il terrazzino di pertinenza l’evaso ha accennato la fuga attraverso i balconi confinanti. Accortosi della presenza degli investigatori, che gli hanno intimato di fermarsi, ha desistito rientrando nell’appartamento e aprendo la porta ai militari che lo hanno dichiarato in stato di arresto».
La “fuga” del 28enne brindisino, iniziata il 3 luglio scorso, è così terminata. Di Santantonio era stato collocato nella comunità Arcobaleno, agli arresti domiciliari in sostituzione della custodia cautelare in carcere, in ottemperanza al provvedimento del gip del Tribunale di Taranto del 20 giugno scorso. I reati che gli vengono contestati sono rapina aggravata in concorso con l’uso delle armi, violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale, nonché concorso nella detenzione di una pistola utilizzata per la commissione della rapina. I fatti risalgono al 3 febbraio scorso, allorquando, in una gioielleria di Sava (Taranto), si è verificata una rapina a mano armata da parte di due giovani, entrambi a volto scoperto, che si sono poi dileguati a piedi facendo perdere le proprie tracce. Sul posto è giunto subito il personale della locale stazione carabinieri che ha eseguito un sopralluogo, acquisendo i filmati delle telecamere del sistema di videosorveglianza della gioielleria. Da una prima disamina delle immagini, si è appurato che i due malfattori, una volta entrati nel negozio di preziosi, simulando di voler effettuare un acquisto di gioielli, hanno indotto la titolare ed il coniuge a mostrare loro dei braccialetti in oro. Ad un tratto, uno dei due ha estratto una pistola dal giubbotto e, sotto la minaccia dell’arma, ha intimato ai commercianti di non muoversi. Nel frattempo, l’altro rapinatore, scavalcato il bancone di vendita, si è impossessato di monili per un valore di 10.000 euro. [m. mong.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Brindisi, assalto a bancomat:bandito ucciso dalla Polizia

Brindisi, assalto al bancomat: bandito ucciso in sparatoria con Polizia Foto

 
La «veggente» Sveva rinviata a giudizio

La «veggente» Sveva
rinviata a giudizio

 
Brindisi, truffa da 4 milioni di euro: rinviata a giudizio l'ex veggente

Brindisi, truffa da 4 milioni di euro: rinviata a giudizio l'ex veggente

 
Paga il parcheggio usando l’app ma la Multiservizi lo multa

Paga il parcheggio usando l’app
ma la Multiservizi lo multa

 
Allarme alga tossica, il sindaco vieta la balneazione in alcune zone

Fasano, allarme alga tossica
il sindaco vieta la balneazione 

 
Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

 
Brindisi, omicidio Di Coste, il pm chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

Brindisi, omicidio Di Coste, il pm
chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

 
Erano finiti sotto processo per aver trasmesso una partita

Erano finiti sotto processo
per aver trasmesso una partita

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS