Martedì 14 Agosto 2018 | 21:18

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Operazione dei Carabinieri

Rapina in gioielleria a Venezia:
arrestati 4 brindisini

Il colpo fu messo a segno a ottobre: titolari e clienti furono sequestrati e chiusi in un retrobottega

Gioielleria Dolo rapina

La gioielleria assaltata (foto La Nuova)

Quattro arresti nel Brindisino nell'ambito delle indagini su una rapina in una gioielleria avvenuta il 13 ottobre scorso a Dolo, in provincia di Venezia. All'alba, i Carabinieri dei Comandi provinciali di Venezia e Brindisi, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare emessi dal gip del tribunale di Venezia Roberta Marchiori, su richieste dal pm veneto, Giorgio Gava, nei confronti degli autori del colpo. In carcere , con l'accusa di rapina pluriaggravata in concorso e porto e detenzione illegale di arma da fuoco, sono finiti Francesco Andriola, 39 anni, Luciano Pagano, 34, Ugo Ugolini, 32 e Maurizio Cannalire, 57.

La rapina fu messa a segno nel pomeriggio con modalità abbastanza cruente: due malviventi, dopo essersi introdotti nella storica oreficeria/orologeria "Ciach", gestita dalla famiglia Canova, dopo essersi finti clienti, sotto la minaccia delle armi immobilizzarono con fascette di plastica la commessa e un'altra persona che era all'interno, chiudendole nel retrobottega. In questo frangente di tempo, si sarebbero impossessati di oggetti d'oro e preziosi, per un valore di 45mila euro, per poi fuggire.

Alla rapina hanno assistito due adolescenti che hanno dato l'allarme ai Carabinieri comunicando in tempo reale quanto stava accadendo e seguendo a distanza i malviventi per fornire la loro posizione durante la fuga. Una pattuglia di militari interveniva sul posto e un sottufficiale si lanciava all'inseguimento dei banditi a bordo di una bicicletta chiesta in prestito a un passante.

Il militare incontrava i due ragazzini-investigatori che gli fornivano indicazioni sull'auto, una Punto blu, che veniva intercettata poco dopo dal carabiniere il quale riusciva a rilevare una parte del numero di targa. Da lì, grazie a una minuziosa indagine e dalle dichiarazioni dei testimoni, si è risaliti all'identità dei quattro arrestati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Fotografa il lato B di tre ragazzine in un centro commerciale, denunciato

Fotografa il lato B di tre ragazzine in un centro commerciale, denunciato

 
Cocaina

Nascondeva la cocaina nella cappa della cucina: un uomo è ai domiciliari

 
Latiano, marocchino violento ignora i divieti e semina danni e paura: in carcere

Latiano, marocchino violento ignora i divieti e semina danni e paura: in carcere

 
Tuturano, scoperto il libro mastrodelle «consegne»: in cella pusher

Tuturano, scoperto il libro mastro
delle «consegne»: in cella pusher

 
Brindisi, la città diventa come la foresta amazzonica

Brindisi, la città diventa come la foresta amazzonica

 
Brindisi, sequestrate 22 tonnellate di pellet spacciato per made in Italy

Brindisi, sequestrate 22 tonnellate di pellet spacciato per made in Italy

 
Brindisi, volo Ryanair da incubo: arriva l'interrogazione parlamentare

Brindisi, volo Ryanair da incubo: arriva l'interrogazione parlamentare

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS